Gedi, La Nuova Sardegna ceduta alla Sae di Leonardis

0
340
Alberto Leonardis del Gruppo Sae - Foto da streaming

Dopo mesi di indiscrezioni e di “No comment” oggi è diventato ufficiale il passaggio della Nuova Sardegna dalla Gedi della famiglia Agnelli al gruppo editoriale Sae guidato dall’imprenditore Alberto Leonardis. L’acquisizione del quotidiano sardo segue quelle di altri quattro storici quotidiani locali (Tirreno, La Nuova Ferrara, la Gazzetta di Reggio e la Gazzetta di Modena) avvenuta un anno fa da parte dello stesso editore.

Un’operazione che va inserita nell’ottica di “alleggerimento” del Gruppo Gedi attraverso la cessione delle testate locali. Nel caso della Nuova Sardegna, lo storico quotidiano del gruppo Finegil (la divisione “locali” del gruppo Espresso), già dal dicembre 2016 era “in affitto” alla DBInformation Spa di Roberto Briglia e Gianni Vallardi.

Nel comunicato con cui Gedi annuncia la cessione del quotidiano, il gruppo editoriale ringrazia la DBInformation, “che dal 2016 ha gestito la testata con professionalità e competenza”. In merito al passaggio di mano “Gedi ritiene che la Nuova Sardegna possa aprire ora una nuova pagina della sua storia, costruendo il suo futuro a partire da solide basi”.

“La concessionaria A. Manzoni & C. continuerà a realizzare la raccolta pubblicitaria per la testata” chiude la nota.

I tagli alle altre testate – Vedremo se il cambio di guida porterà “basi solide” come scritto da Gedi. Di certo i giornalisti del quotidiano che proprio quest’anno ha compiuto 130 anni, staranno facendo gli scongiuri visti i precedenti degli altri quattro quotidiani acquistati da Leonardis. Tirreno, Nuova Ferrara, la Gazzetta di Reggio e la Gazzetta di Modena, da maggio scorso hanno scioperato varie volte contro i tagli al personale annunciati dall’azienda.

Di certo stride un po’ l’ampliamento del portafoglio delle testate da un lato, mentre dall’altro si taglia il personale. Per l’azienda però le due cose non sono in contrasto anzi i tagli servirebbero a chiudere il bilancio in pareggio, proprio allo scopo di allargare il gruppo e acquisire maggior solidità, grazie anche ai buoni risultati del quotidiano sardo.

Approfondimenti