Giornalismo in festival: dalle Marche a Gallipoli, tre appuntamenti dedicati al giornalismo locale, culturale e sportivo

0
124
Platea di giornalisti durante un festival - Foto da https://www.flickr.com/

Sarà un weekend ricco di appuntamenti per il mondo del giornalismo. Tre diversi festival da Macerata, passando per Urbino e finire a Gallipoli in cui si parlerà di giornalismo culturale, di quello sportivo e di quello locale.

Si parte con la nona edizione del Festival del giornalismo culturale, che rarà inaugurata oggi pomeriggio (venerdì 8 ottobre), a Urbino da Stefania Auci. La scrittrice e docente, autrice dei due best seller “I Leoni di Sicilia” e “L’inverno dei Leoni” (Editrice Nord, 2019 e 2021), terrà una lectio magistralis alle 15.30, nel Palazzo Ducale, luogo che ospiterà le iniziative e i panel della rassegna anche sabato 9 e domenica 10. Dopo il connubio tra scienza e cultura approfondito nel 2020, quest’anno il titolo del Festival sarà “Divina cultura. La lingua e la sua difesa, da Dante agli ipersocial.”, con l’avvio dei lavori affidato al presidente Piero Dorfles e ai direttori Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini, alle 15 nel Salone del Trono.

Fatta l’Italia, bisognava fare l’italiano. Un progetto che era stato pianificato già da Dante Alighieri nel De Vulgari Eloquentia e che è stato poi portato avanti soprattutto dalla radio e dalla televisione, ma che per certi versi è rimasto incompiuto. Cosa può cercare di frenare un declino verso una lingua povera e volgare? Forse lo può e lo deve fare il giornalismo culturale. Da tale incipit partirà quest’anno il Festival, che tratterà l’evoluzione e la specializzazione del linguaggio in vari ambiti, dalla politica, all’economia, all’architettura e oltre. E sarà dedicata a questo tema anche la ricerca “Come si informano gli italiani”, condotta da Ipsos e dall’Osservatorio News-Italia attraverso un questionario a un campione di 1000 italiani e interviste in profondità a esperti. La ricerca racconterà del rapporto tra la lingua e la scuola, le pagine culturali, i social network e di come si possa fare uso di un corretto italiano.

È iniziata ieri, Giovedì 7 Ottobre e proseguirà fino a sabato, la quinta edizione di “FIGiLo”, il Festival dell’informazione giornalistica locale ideato da Fernando D’Aprile, direttore di PiazzaSalento. L’appuntamento è all’Hotel Bellavista Club di Gallipoli. Saranno tre giornate di incontri e dibattiti con direttori e giornalisti delle testate locali, docenti universitari, studiosi e responsabili della comunicazione istituzionale. In un settore editoriale in crisi, l’informazione locale apre nuovi possibili panorami, in cui intrecciare una professione sempre più complessa e articolata con i nuovi strumenti della comunicazione, come i social media. Social ai quali si collegano direttamente le nuove sfide dell’informazione.

Il terzo appuntamento ci riporta nelle Marche stavolta a Macerata, dove da Mercoledì scorso e fino a domenica 10 Ottobre sta andando in scena l’edizione numero 11 dell’Overtime il Festival del giornalismo e del racconto sportivo. Tra i più importanti festival nazionali di carattere sportivo, anche quest’anno non mancheranno gli ospiti rinomati. Tra gli altri, Gelindo Bordin, Francesco Repice, Piero Chiambretti, Alfredo Trentalange, Federico Buffa con i suoi noti e appassionanti storytelling, Maurizia Cacciatori, Mino Taveri, Marino Bartoletti, Franco Bragagna, oltre al direttore di Tuttosport, Xavier Jacobelli. Presente anche l’ex attaccante di Bologna e della Nazionale, Beppe Signori — vicecampione ai Mondiali di Usa 1994 —, che ripercorrerà la sua carriera, fino a parlare della sua battaglia legale che ha trovato il lieto fine proprio quest’anno.

Il tema dell’edizione 2021 sarà dedicato ai “Colori” e agli incontri, tutti gratuiti e su prenotazione tramite sito ufficiale, si parlerà di impegno, disciplina, sfida, benessere e sostenibilità. L’evento sarà una occasione speciale per celebrare al meglio un’estate trionfale per lo sport azzurro, partendo da Euro2020 alle Olimpiadi di Tokyo fino ai successi della pallavolo maschile e femminile agli Europei.

Approfondimenti