Giornalisti: ok a regolamento voto telematico per rinnovo consiglio nazionale Ordine

0
786

Il voto per il rinnovo del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti per il triennio 2020/23 dovrebbe svolgersi (presso il seggio) domenica 7 febbraio 2021 in prima convocazione (valida solo se partecipa il 50% degli aventi diritto), il 14 febbraio 2021 in seconda convocazione e il 21 febbraio, infine, si dovrebbero tenere eventuali ballottaggi. E proprio oggi il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei giornalisti ha approvato il regolamento sul voto telematico che sarà – per la prima volta – in aggiunta a quello al seggio tradizionale. Ora si attende il via libera del ministero della Giustizia e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. A quel punto il presidente dell’Odg, Carlo Verna, dovrebbe indire le elezioni (non oltre il 28 dicembre 2020 per rispettare la legge) e circa 107 mila giornalisti avranno la possibilità di scegliere i propri rappresentanti si spera con percentuali di affluenza al voto più alte. Il voto elettronico, in particolare, dovrebbe avvenire – a quanto apprende AdgInforma.itil 3 o il 4 febbraio , date di poco anteriori a quelle previste per il voto al seggio. Naturalmente se la pandemia non dovesse mollare la presa sul Paese, i giornalisti rinnoverebbero per la prima volta nella loro storia i propri rappresentanti solo con il voto telematico. Ma se il ministero della Giustizia non darà a breve il via libera, si rischia di votare anche questa volta solo al seggio. Vedremo.

APPELLO A MATTARELLA SU INPGI – Sempre oggi il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti ha fatto un appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella perché intervenga nella drammatica situazione che riguarda l’Inpgi. Si sottolinea “la necessità improcrastinabile di una garanzia pubblica anche a tutela dell’autonomia di una categoria vitale come l’ossigeno per la democrazia”.

Approfondimenti