Google pagherà gli editori italiani: firmati i primi accordi per News Showcase

0
249
Foto di Simon da Pixabay

Qualcosa si muove, anche in Italia, nella guerra tra Ott ed editori per il riconoscimento del diritto d’autore. Google ha appena annunciato di aver siglato una serie di accordi di licenza con diversi editori, sia di portata nazionale che di carattere locale, per la pubblicazione dei contenuti migliori su Showcase, il prodotto che BigG ha varato lo scorso anno per offrire ai suoi utenti l’accesso ad alcuni contenuti giornalistici.

Chi sono i firmatari – Gli editori che hanno siglato l’accordo con Mountain View, su base individuale, sono per ora: RCS Media Group, Sole 24Ore, Gruppo Monrif, Caltagirone Editore, il Fatto Quotidiano, Libero, Il Foglio, Il Giornale, Il Tempo, Ciaopeople, Edinet, Gruppo Corriere, Citynews e Varese web.

Gli accordi negli altri Paesi – Accordi che rappresentano un importante passo avanti nella relazione di Google con gli editori italiani, e che seguono quelli raggiunti nelle scorse settimane in altri Paesi: in Gran Bretagna Shocase è stato già lanciato e tra i partner ci sono Financial Times e Telegraph, così come in Francia dove tra gli altri hanno aderito Le Monde, Le Figaro, Liberation. Fuori dall’Europa accordi simili sono stati siglati da Google in Australia dove è stato raggiunto un accordo con NewsCorp, il gruppo di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, Wall Street Journale Times. Tra i primi giornali al mondo a firmare l’intesa, pochi mesi fa, c’erano anche Der Spiegel, Stern, Die Zeit in Germania, e Folha de Sao Paulo in Brasile.

Gli accordi con gli editori italiani per News Showcase tengono in considerazione i diritti previsti dall’Articolo 15 della Direttiva europea sul copyright in relazione agli usi specifici online delle pubblicazioni giornalistiche (tali diritti non si applicano ai collegamenti ipertestuali e all’utilizzo di estratti molto brevi).

Cosa è Google News Showcase – Gli articoli selezionati dagli editori che hanno siglato l’accordo finiranno su Showcase, il nuovo programma di licenze annunciato da Google nel 2020, che offrirà ai lettori l’accesso a contenuti più approfonditi a fronte di una remunerazione per gli editori firmatari. Showcase sarà disponibile in Italia nei prossimi mesi e sarà visibile a chi usa Google News (l’aggregatore di notizie di Mountain View) e, a breve, anche su Discover (il servizio di selezione di notizie interno all’app di Google per smartphone). Gli utenti troveranno alcuni contenuti prodotti e scelti dalle redazioni aderenti, in un formato ideato da un lato per valorizzare i contenuti, dall’altro per consentire ai lettori di comprendere in modo immediato quale sia la fonte delle informazioni. Una volta cliccato sul contenuto mostrato nei prodotti di Google, il lettore verrà indirizzato sul sito nativo dell’articolo. Grazie al nuovo servizio gli editori potranno rafforzare la propria relazione con i lettori, sviluppare nuovi modelli per la monetizzazione dei contenuti e trarre beneficio dall’aumento di traffico verso il proprio sito.

“Questi nuovi accordi rappresentano un importante passo avanti e confermano l’impegno di Google verso gli editori italiani – dice Fabio Vaccarono, Vice President di Google e Managing Director di Google Italy -. I nostri editori partner avranno accesso a nuove opportunità per valorizzare i propri contenuti e per aumentarne la profittabilità. Siamo felici di contribuire allo sviluppo dell’ecosistema digitale per il mondo degli editori e di rafforzare il nostro impegno verso il giornalismo di qualità”.

L’impegno di BigG verso gli editori – I nuovi accordi rappresentano un’inversione di tendenza nei rapporti tra BigG e gli editori. Dopo anni di “guerra fredda” in cui gli Ott sono stati accusati di aver defraudato i giornali e di aver contribuito alla crisi degli editori tradizionali, Mountain View ha deciso di modificare il suo approccio andando incontro a chi produce le notizie, anche spinta da una serie di sanzioni e iniziative legislative intraprese dai vari governi in difesa del copyright. In questo senso “News Showcase – sottolinea una nota di Mountain View – si inserisce in un quadro più ampio di iniziative che rappresentano l’impegno di lungo termine di Google verso il mondo del giornalismo. Oltre a programmi come la Google News Initiative e alla collaborazione in ambito pubblicitario con gli editori a livello globale, attraverso le sue piattaforme Google invia ogni mese ai siti degli editori 24 miliardi di clic, che permettono agli editori di aumentare i ricavi attraverso annunci e nuovi abbonamenti sui loro siti e app”.

Approfondimenti