Gran Bretagna. Sun, bustarelle a poliziotti per le indiscrezioni

0
131

 

the sunBustarelle da dieci mila sterline all’anno per ottenere in anteprima notizie e indiscrezioni da poliziotti e funzionari pubblici. È questo l’ultimo scottante sviluppo dell’indagine che sta sconvolgendo l’editoria britannica. Protagonista questa volta è il tabloid del gruppo “News international”, “The Sun”. Partita dalle intercettazioni illegali che hanno causato la chiusura del “News of the world” del gruppo editoriale di Rupert Murdoch, e proseguita con una serie di arresti e il coinvolgimento di altre testate del gruppo, ora spuntano le bustarelle del Sun alle forze dell’ordine. Gli inquirenti, nella loro indagine, stanno cercando di appurare se e quali funzionari pubblici ricevevano le mazzette e se erano “effettivamente a libro paga” del tabloid. Stando a quanto riferito da una fonte vicina all’inchiesta, citata oggi dal Guardian, tra le prove raccolte dopo mesi di indagini sulla documentazione sequestrata ai giornalisti figurano infatti “regolari pagamenti in contanti per decine di migliaia di sterline l’anno per diversi anni a funzionari pubblici, alcuni dei quali erano effettivamente su libro paga per fornire informazioni” al Sun. “Complessivamente – ha precisato la fonte – si tratta di un numero a sei cifre”. Grazie a questo “investimento” il tabloid inglese  si assicurava notizie in anteprima e indiscrezioni su personaggi pubblici di primo piano. I segreti di sportivi, politici e celebrità dello spettacolo venivano svelati illegalmente al giornale da agenti corrotti a libro paga dell’editore News Corporation. L’inchiesta ha già portato all’arresto di 21 persone. Gli ultimi cinque arresti sono arrivati sabato scorso e hanno riguardato proprio cinque giornalisti del Sun accusati di corruzione.