I dati Censis parlano chiaro: 4,3 milioni di italiani senza connessione internet

0
195
Foto di Bruno Germany da Pixabay

Il rapporto stilato da Censis in collaborazione con Lenovo ha evidenziato che ben 4,3 milioni di italiani non dispongono attualmente di una connessione di rete. “La digital life degli italiani”, questo il titolo dello studio, ha lo scopo di fotografare lo scenario odierno relativo all’uso della tecnologia nel nostro Paese, ed ha portato alla luce diversi dati alquanto allarmanti. Oltre ai già citati cittadini sprovvisti di connessione, ce sono altri 12,3 milioni che hanno a che fare con connessioni domestiche lente o mal funzionanti e 22,7 milioni che hanno dichiarato di avere disagi  nell’utilizzo dei servizi digitali, a causa di stanza sovraffollate oppure della necessità di condividere i dispositivi con i propri familiari.

Effettuando un ragionamento più generale, come riporta Ansa, la ricerca evidenzia come ci siano al momento 24 milioni di italiani che non si sentono pienamente a loro agio nell’ecosistema digitale, sintomo di una scarsa dimestichezza nell’utilizzo del web sia in ambito personale che lavorativo. Ciò è dovuto a diversi tipi di problematiche: c’è chi riscontra difficoltà con le piattaforme di messaggistica istantanea e con la posta elettronica, chi con l’utilizzo dei social network  e delle piattaforme streaming, e ancora, chi ha problematiche nell’effettuare videochiamate o nella semplice navigazione sui siti web. Dall’altro lato c’è chi sembra sentirsi “a casa propria” nel mondo digitale ed utilizza PC, smartphone ed altri apparecchi in maniera fluida e proficua. Tra loro, 9 su 10 dichiarano di essere soddisfatti dei dispositivi che usano, considerati in linea con le attività svolte giornalmente.

Il 73% degli intervistati vive in una famiglia in cui ogni membro si connette con un dispositivo personale ed il 55% dichiara di essere addirittura convinto che l’utilizzo dei servizi digitali porti beneficio alla vita di coppia. D’altro canto però, se un 42,7% dice di fidarsi delle attività online del proprio partner, ci sono 6 milioni di  persone che rivelano di spiarne i movimenti sul web ed in particolare sui social network. Per quanto riguarda l’ambito della burocrazia, l’85,3% degli cittadini auspica che nel futuro prossimo si possa dialogare via mail con gli uffici pubblici, l’85% che si possano richiedere documenti e certificati online e l’83,2% che si possano pagare tasse, bollettini e multe in maniera semplice e veloce tramite internet.