I fondi entrano nella Liga Spagnola. Da Cvc 2,7 miliardi per i club. La serie A ci ripensa?

0
260
Lo stadio del Real Madrid, Santiago Bernabeu - Photo by Victoria Primak on Unsplash

Alla fine il fondo britannico Cvc è entrato nel calcio, ma non in quello di serie A. Con un progetto del tutto simile a quello presentato a novembre scorso dal presidente della Lega di A, Paolo Dal Pino, la finanziaria si è accasata nella Liga spagnola, con cui ha raggiunto un accordo preliminare per la cessione del 10% delle quote per 2,7 miliardi di euro. Accordo che ora dovrà essere ratificato dall’assemblea dei club prevista per mercoledì prossimo, ma il più sembra essere fatto.

Serie A beffata – La notizia ha tutte le sembianze di una beffa per la Serie A che a cose quasi fatte, aveva sospeso il progetto (che prevedeva l’impegno anche di altre due società oltre alla Cvc: Advent, altra società di private equity americana, e Fsi, Fondo strategico italiano) che avrebbe portato nelle casse dei club 1,7 miliardi di euro subito, un altro miliardo e mezzo di introiti nei tre anni seguenti e prometteva di raddoppiare i ricavi nei cicli successivi. Soldi che avrebbero dato una boccata d’ossigeno importante alle casse vuote delle società di casa nostra e di cui ora potranno beneficiare le squadre della Liga. L’accordo col campionato spagnolo, ancor più vantaggioso rispetto alle cifre italiane per via del maggior valore della Liga a livello internazionale, porterà nelle casse del Real circa 270 milioni, mentre in quelle del Barcellona 261, ma arricchirà anche tutti gli altri club. Denaro che permetterà di avvicinare campioni come Haaland e Mbappé o il rinnovo di contratto di Messi al Barca e di conseguenza renderà ancora più appetibile il massimo campionato iberico per televisioni e sponsor. Avvicinando l’obiettivo dichiarato che è quello di eguagliare o superare il business della Premier League, oggi la competizione più ricca al mondo, nell’arco di sei-sette anni.

Le società di A ci ripensano? – Una situazione che poteva realizzarsi in Italia ma che si è bloccata sul più bello per il dietrofont, con diverse motivazioni, di sette società (Juventus, Inter, Atalanta, Fiorentina, Lazio, Napoli ed Hellas Verona). E che non è detto possa ancora realizzarsi. Il progetto fondi, infatti, è stato accantonato ma mai del tutto abbandonato dalla Lega di A. Di sicuro il vantaggio di un anno e mezzo che avevamo sugli altri campionati è andato perso e Cvc ha puntato sulla Liga. Ma la notizia dell’accordo raggiunto a Madrid ha sicuramente scosso i vertici del calcio italiano, ed ora anche Juventus ed Inter (anche in virtù del fallimento del progetto Superlega), come scrive oggi la Gazzetta dello Sport, sembra guardino di nuovo con favore al progetto.

Approfondimenti