“I terroristi siete voi”. Attacco anarchico contro sede de La Stampa e Repubblica a Torino

0
441
La sede de La Stampa in via Lugaro a Torino
La sede de La Stampa in via Lugaro a Torino - Foto: lastampa.it

Uova piene vernice verde e un grosso petardo, probabilmente una bomba carta sono state lanciate questa mattina in via Lugaro a Torino contro la palazzina che ospita la redazione del quotidiano La Stampa e quella torinese de La Repubblica.

Il gesto è stato rivendicato con dei volantini lasciati davanti alla sede del quotidiano, che fanno riferimento al processo Scripta Manent e che sono firmati genericamente “Anarchici e Anarchiche”.

Il messaggio accusa i giornali di essere i veri terroristi. “Voi, che terrorizzate la popolazione manipolando l’informazione secondo quanto vi viene commissionato da chi comanda – si legge nel teso del volantino – Voi, che coprite con un complice silenzio quanto il potere non vuole che si sappia, come la strage nelle carceri italiane dello scorso marzo, con 13 morti ammazzati e centinaia di recluse e reclusi massacrati di botte. Voi, che indottrinate l’opinione pubblica alla criminalizzazione di chi si ribella alle leggi della discriminazione, dello sfruttamento e della morte”. “Oggi – continua il messaggio -, che centinaia di anarchiche e anarchici sono sotto processo, in galera o con misure cautelari. Oggi che nell’aula bunker delle Vallette si conclude il processo di appello Scripta Manent che vuole bollare di stragismo l’anarchismo di azione. Siamo qui a portarvi un piccolo assaggio della giusta rabbia che la disinformazione di regime, i tribunali e le prigioni non riusciranno mai a spegnere!”.

Sull’episodio, riferisce Adnkronos, sono in corso le indagini della Digos. Per quanto riguarda le reazioni, è già arrivata la “ferma condanna per gli indegni attacchi verso la sede di Stampa e Repubblica” da parte della sindaca Chiara Appendino. “La violenza nei confronti di qualsiasi organo di informazione è violenza nei confronti della democrazia – ha sottolineato – e di conseguenza, di tutta la società. E di fronte alla violenza si fa fronte comune”.

Anche la Federazione nazionale della stampa ha espresso “solidarietà alle colleghe e ai colleghi delle redazioni di Torino della Stampa e di Repubblica, finiti nel mirino di un gruppo di anarchici che per manifestare il loro dissenso nei confronti dei due quotidiani hanno lanciato uova piene di vernice e petardi contro le vetrate della sede”. “Criticare un giornalista o un giornale è sempre legittimo – scrive la Federazione in una nota -. Ma un assalto alla redazione è un gesto criminale, oltre che vile, che rimanda a epoche buie della storia di questo Paese. Saremo al fianco dei colleghi in qualsiasi iniziativa decideranno di intraprendere, certi che non si lasceranno intimidire da chi non ha altri argomenti che la violenza”.