I volti delle stelle del cinema nello spot del Fice a sostegno del grande schermo

0
446

“Vi abbiamo fatto conoscere registe e registi del cinema italiano e internazionale, facendovi innamorare dei loro film più belli”: così la Federazione italiana dei cinema d’essai, che rappresenta oltre 500 cinema indipendenti di tutta Italia, ha lanciato uno spot per celebrare la magia del grande schermo in attesa della riapertura delle sale.

Le immagini dello spot del Fice in sostegno del cinema:

“Da sempre siamo il punto di riferimento del cinema indipendente e di qualità”, si legge in sovrimpressione mentre scorrono i volti di nomi noti del cinema italiano e internazionale che sono arrivati al grande pubblico grazie alle tante sale cinematografiche sparse sullo stivale. Da Marco Bellocchio a Martin Scorsese, da Ken Loach a Pedro Almodovar, da Woody Allen e Nanni Moretti a Bong Joon-ho e Spike Lee; da autrici come Valeria Golino, Céline Sciamma, Alice Rohrwacher, Sofia Coppola ed Emma Dante fino a Gianfranco Rosi, i Fratelli Dardenne, Alejandro Gonzalez Iñarritu; senza dimenticare due autori attesi al cinema con i nuovi e già premiatissimi film – Thomas Vinterberg e François Ozon – e due immensi talenti che ci hanno lasciato da poco, Agnès Varda e Kim Ki-duk. Sono i principali volti che scorrono nei 60 secondi dello spot che da ieri martedì 19 gennaio è visibile sui social network e nei siti web delle sale cinematografiche, in attesa di debuttare su grande schermo al momento della riapertura.

“Per gli esercenti delle sale d’essai, per il loro ruolo fondamentale di presidio culturale e sociale, è un modo per restare vicini al pubblico anche in questi lunghi mesi di prolungata sospensione dell’attività”, afferma Domenico Dinoia, Presidente Fice, “ringraziando i tanti spettatori che non hanno mancato di far pervenire la loro solidarietà e con la promessa di accoglierli nuovamente, nel migliore dei modi e con tanti bellissimi film, appena sarà possibile. Ritroveremo insieme, con tutte le precauzioni necessarie, il piacere di una visione condivisa su grande schermo”.

Approfondimenti