Il 28 gennaio arriva su Sky la nuova serie crime italiana “Christian”

0
320
Edoardo Pesce e Antonio Bannò in una scena di Christian - Foto Ufficio stampa Sky

Il 28 gennaio debutta su Sky Atlantic Christian, nuova serie tv targata Sky Original con protagonisti Edoardo Pesce e Claudio Santamaria per la regia di Stefano Lodovichi. Un supernatural crime drama che racconta la storia di un malvivente della Roma di periferia a cui improvvisamente compaiono delle stimmate grazie alle quali acquista poteri miracolosi.

Il quarantenne Christian (Edoardo Pesce) è lo scagnozzo di un boss della malavita romana, Lino (Giordano De Plano), insieme al quale è cresciuto e che considera perciò come un fratello maggiore. Un giorno Christian inizia ad avvertire forti dolori alle mani, che inspiegabilmente cominciano a sanguinare. Si tratta di vere e proprie stimmate, anche se il protagonista stenta a crederci. Tutto ciò appare inizialmente solo come un grande problema, dato che gli risulta ora difficoltoso svolgere il suo lavoro di “picchiatore” per conto del boss e guadagnarsi così i soldi per vivere ed accudire la madre malata. Ben presto però, si accorgerà di aver acquistato poteri miracolosi e curativi, tanto da riuscire a salvare da un’overdose una giovane tossicodipendente del quartiere, Rachele (Silvia D’Amico), che lo spingerà a cambiare vita  e mettersi al servizio del bene, considerato che, a quanto pare, può curare la gente. Le sue straordinarie doti attireranno l’attenzione di Matteo (Claudio Santamaria), un postulatore del Vaticano ossessionato dal trovare qualcuno i cui poteri taumaturgici siano veri, e che al principio è convinto che il fantomatico guaritore di periferia sia semplicemente un impostore. Chi non è affatto contento della situazione è Lino, che vede nei poteri curativi del protagonista una forte minaccia per il suo dominio criminale sul territorio.

“Christian è una storia unica, fra il crime, il soprannaturale e il supereroistico, quella di un improbabile ma irresistibile ‘Cristo di periferia’ raccontato con toni da fumetto a tinte pulp” – spiega Antonella D’Errico, Executive Vice President Programming di Sky Italia – “Con con questa serie vogliamo offrire al nostro pubblico un contenuto come nessun altro: un personaggio estremo in cerca di redenzione, sboccato, ruvido, ma che diventerà contro qualsiasi logica la principale speranza di riscatto di un’intera comunità. Crediamo di esserci riusciti”.

Approfondimenti