Il Colosseo diventerà un teatro. L’ambizioso progetto di Franceschini

0
223
Foto di Brigitte makes custom works from your photos, thanks a lot da Pixabay

A partire dal 2023 il Colosseo potrebbe diventare a tutti gli effetti uno dei luoghi deputati ad ospitare le grandi rappresentazione teatrali del dramma antico, al pari del teatro greco di Siracusa e del teatro antico di Taormina, attualmente punte di diamante del circuito nazionale di “teatri di pietra”. Un’iniziativa promossa in prima persona dal ministro della Cultura Dario Franceschini, il quale, interpellato da Il Messaggero, ha spiegato che “il Colosseo è perfetto per il dramma antico”.

Per fare ciò sarà necessario prima completare il restauro della struttura, il cui termine è previsto proprio per il 2023. Il progetto è stato presentato lo scorso 2 maggio insieme al team della Milan Ingegneria spa, azienda vincitrice del bando internazionale per la progettazione del lavoro. Per l’adattamento dell’arena alle rappresentazioni teatrali (per il quale in Ministero conta di investire 18 milioni di euro) è prevista la realizzazione di un sistema all’avanguardia, composto da un meccanismo di lamelle in carbonio rivestire di legno trattato, che in circa mezz’ora andranno a ricompattare il palcoscenico dell’anfiteatro. Questo, unito agli altri necessari accorgimenti, permetterà ad un contenuto numero di spettatori di assistere agli spettacoli all’interno della struttura.

Il Colosseo dovrebbe così entrare a pieno titolo a far parte del suddetto circuito dei “teatri di pietra” guidato dall’Inda (Istituto nazionale del dramma antico) di Siracusa, che prevede un programma artistico fatto di spettacoli itineranti e cartelloni studiati appositamente per ognuno dei teatri coinvolti, tra i quali spiccano, oltre a Siracusa e Taormina, anche le suggestive strutture di Ostia Antica, Alba Fucens e Posillipo. L’intento sarebbe anche quello di permettere la produzione televisiva delle opere in scena dal vivo, produzione che avrebbero una risonanza a livello internazionale per gli appassionati del genere. Perciò non è assolutamente da escludere la stipulazione di accordi con le principali piattaforme di contenuti streaming. Lo stesso Franceschini, che spiegherà i dettagli del progetto nella puntata di questa sera di Porta a Porta, ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa ed ha annunciato che il G20 della Cultura, in programma a Roma il 29 luglio prossimo, prenderà il via proprio all’interno del Colosseo, nella parte di arena già ricostruita. “Il mondo ci guarderà capendo cos’è l’Italia in questo campo” ha affermato con orgoglio il Ministro.

Approfondimenti