“Il mio nome è leggenda”. Matilda De Angelis racconta i personaggi che hanno ispirato i grandi miti

0
112
Matilda De Angelis - Foto: Ufficio stampa Sky

A chi si è ispirato George Lucas quando ha creato Indiana Jones? E Mary Shelley dove ha tratto ispirazione per la figura del dottor Frankenstein? Da dove è sbucato un personaggio come Zorro? Sono queste alcune delle domande che troveranno risposta nel corso de Il mio nome è leggenda, la nuova produzione originale Sky (realizzata da Bottega Finzioni) che sarà in onda dal 7 dicembre su Sky Arte. Un viaggio lungo 6 puntate in cui l’attrice Matilda De Angelis guiderà i telespettatori alla scoperta delle storie vere degli “illustri sconosciuti” dai quali sono nati alcuni dei personaggi più noti dell’immaginario collettivo contemporaneo. Attraverso un suggestivo gioco meta-cinematografico si andrà a scavare nelle origini di questi “miti”, servendosi inoltre degli interventi del mass-mediologo Roberto Grandi. I protagonisti delle puntate saranno Indiana Jones – Giovanni Battista Belzoni, Frankenstein – Giovanni Aldini, Zorro – Joaquin Murrieta, Betty Boop – Helen Kane, Pippi Calzelunghe – Astrid Lindgren e Dracula – Conte Vlad III di Valacchia.

Il mio nome è leggenda è la mia prima esperienza come narratrice e interprete di un programma televisivo solo mio. Era una cosa nuova, che un po’ mi spaventava” – ha commentato De Angelis – “Ho deciso di provare perché le storie vere che stanno alle radici di personaggi come Frankenstein, Betty Boop o Indiana Jones, sono storie bellissime, incredibili, e mi hanno fatto venir voglia fin da subito di raccontarle a tutti. Per me che sono attrice, e sono abituata a emozionare con la recitazione, è stato un po’ strano provare a farlo quasi solo con le parole, con il racconto, senza avere nessun altro in scena oltre a me. Spero di esserci riuscita, questo ditelo voi, io intanto sono già contenta di averci provato”.