Il nuovo canale istituzionale di Luca Mazzà va in “affitto”

0
806

Finalmente il nuovo canale istituzionale della Rai uscirà dalle sabbie mobili. Accantonato il piano proposto da Fabrizio Ferragni, ora destinato alla guida del canale in lingua inglese, il cda in agenda per venerdì 19 giugno si accinge ad affidarne le chiavi a Luca Mazzà, ex direttore di Radio1 e Gr. Ferragni aveva illustrato un progetto che a giudicare da chi l’ha visionato aveva due difetti: era costoso e per di più appariva un doppione delle strutture già esistenti, ovvero Rai Parlamento, Rai Quirinale e Gr Parlamento. Meglio dunque cambiare strada.

UN CANALE IN AFFITTO – Il nuovo progetto – a quanto apprende Lo Specialista – prevede che il canale verrà sviluppato all’interno della Testata Rai Parlamento, al fine di superare la criticità legata alla costituzione di una nuova Testata, e sarà distribuito in Italia sul digitale terrestre a seguito dell’acquisizione di una nuova posizione LCN e della capacità trasmissiva da un soggetto terzo non avendo i Mux Rai spazio disponibile; via satellite e online attraverso la piattaforma RaiPlay, eventualmente anche con contenuti on-demand. Anche qui – come per il canale in inglese – bisognerà fare molta economia. Il canale sarà visibile entro l’anno, avrà un budget – a regime – di circa dieci milioni l’anno e paradossalmente dovrà andare anche in “affitto”…

Approfondimenti