Il successo di “Squid Game” non si ferma e Netflix continua a guadagnare

0
210

Quello di Squid Game è un successo planetario che ancora non accenna a fermarsi. La serie tv sudcoreana, uscita su Netflix circa un mese fa, ha già fatto registrare nel mondo più di 111 milioni di spettatori che hanno guardato almeno il primo episodio, segnando così il miglior esordio di sempre sulla piattaforma. Numeri astronomici già di per sé, e che lo diventano ancor di più se si considera l’esiguo costo di produzione dello show, ovvero 21,4 milioni di dollari, cifra neanche lontanamente paragonabile a quelle solitamente stanziate per le serie holliwoodiane. Per Netflix, quindi, un affare clamoroso in termini di pubblico ma soprattutto in economici, con un guadagno di quasi un miliardo di dollari in “impact value”, una metrica che tiene conto del contributo economico di una proprietà intellettuale rapportata ai costi degli abbonati ed altri tipi di ricavi.

Ecco perché Squid Game potrebbe ben presto rappresentare (forse lo sta già facendo) un grande trampolino di lancio per gli investimenti delle grandi case di produzione americane nella realizzazione di film e serie in Paesi emergenti. Il vantaggio di operazioni di questo tipo è prima di tutto economico. Le spese da sostenere per una produzione in Asia sono di gran lunga inferiori a quelle necessarie per produzioni in territorio statunitense e questo per svariate ragioni che comprendono, ad esempio, la concessione di crediti di imposta ed incentivi da parte dei governi locali, il minor costo della manodopera, la spesa ridotta in termini di cachet per gli attori del luogo, l’organizzazione di eventi sponsorizzati per il pubblico locale ed altro ancora. Paesi emergenti come alcuni di quelli della regione Asia-Pacifico, sono infatti alla ricerca di nuove occasioni di business e ed implementazione del turismo estero. È perciò presto spiegato il perché gli investimenti dei colossi americani siano i benvenuti. Basti pensare che Disney ha recentemente annunciato la realizzazione di 27 nuove produzioni seriali e cinematografiche in territorio asiatico.

Approfondimenti