In casa Tim pronta la cig per 29 mila dipendenti

0
73

“Parte in salita il nuovo corso di Tim. Ieri – spiega Federico De Rosa sul ‘Corriere della Sera’ – il gruppo telefonico ha annunciato la richiesta al ministero dello Sviluppo economico di cassa integrazione per quasi 30 mila dipendenti. Una decisione unilaterale arrivata dopo la rottura delle trattative con i sindacati. Ma non c’è solo il problema del personale a turbare gli equilibri di Tim. Il primo azionista, Vivendi, andato in minoranza all’ultima assemblea, ha diffuso da Parigi una nota in cui si dice ‘preoccupato’ per la nuova governance del gruppo telefonico al punto che potrebbe ‘come prevede la legge, chiedere la convocazione di un’assemblea per proporre di riorganizzare il consiglio'”. “La cassa integrazione, che riguarderà a rotazione 29.736 dipendenti per 29 giorni nell’arco di 12 mesi, in termini economici equivale ‘a 2.800 esuberi’ ha spiegato. I sindacati sono sul piede di guerra: la cassa integrazione ‘è l’esatto opposto di quello che sarebbe utile per superare le difficoltà’ hanno commentato”.