Italiani impazziti per gli audiolibri. Nielsen: +11% di ascoltatori

0
257
Foto di Felix Lichtenfeld da Pixabay

Gli italiani non ascoltano solo musica o podcast, ma amano molto “ascoltare” i libri. Sono sempre di più i nostri concittadini che ascoltano gli audiolibri: 10 milioni secondo i dati dell’ultima ricerca NielsenIQ commissionata da Audible, società di Amazon tra le principali piattaforme per l’ascolto di questi formati e che festeggia quest’anno i 5 anni dal suo arrivo in Italia. Un numero, aggiornato a Maggio 2021, che rappresenta una crescita dell’11% rispetto allo scorso anno. Un vero e proprio boom sicuramente favorito dai mesi di chiusura dovuti alla pandemia, ma non solo. I dati di ascolto degli audiolibri sono in crescita da diversi anni anche se se parla sempre poco.

Il motivo del successo – Secondo la ricerca i motivi principali per cui i nostri concittadini scelgono di dedicare del tempo all’ascolto degli audiolibri sono da ricercarsi nel puro intrattenimento, la voglia di svago e di divertimento ma spesso anche per superare la solitudine, o anche per combattere l’insonnia.

Chi sono gli utilizzatori principali – Il ritratto dell’ascoltatore medio dipinto dalla ricerca è per lo più quello dei millennials: oltre la metà dei fruitori di audiolibri (il 54%) ha tra i 25 e i 34 anni, ed è fra loro che si conta anche la maggior parte dei cosiddetti “heavy users” (7%), ovvero chi ascolta audiolibri tutti i giorni. Ma non mancano anche gli ascoltatori tra i 18 e i 24 anni, che insieme a quelli che hanno tra i 35 e i 44 anni si attestano al 45%. Insomma, chi ascolta gli audiolibri è un pubblico giovane e attivo, soprattutto nel Centro Italia (51%), con un utilizzo del web di almeno 4 ore al giorno (52%). Altro dato molto interessante è la durata molto lunga delle sessioni medie di ascolto che è di 25,4 minuti. Un dato che fa riflettere se paragonato ai ritmi frenetici delle nostre vite e ai dati sempre in calo della nostra capacità di attenzione.

Le abitudini d’ascolto – L’ascolto di libri letti da attori o interpreti, rivela lo studio, avviene, per lo più mentre si svolgono altre attività, con modalità molto simili all’ascolto della radio. Per lo più è un ascolto che avviene in solitaria spesso tra le mura domestiche (78%) ma anche in auto (20%) o anche sui mezzi pubblici (14%).
I generi più ascoltati – Infine il dato sui generi di audiolibri più ascoltati, che restano per lo più immutati nel tempo. Gli italiani restano amanti per lo più dei classici della narrativa, al primo posto delle scelte con il 32% delle preferenze, seguiti dai thriller e dal genere true crime (28%) e, al terzo posto, dai libri fantasy e di fiction (23%)

Approfondimenti