ItsArt cambia i vertici : Guido Casali nuovo Ad, Giorgio Tacchia presidente

0
235
Guido Casali - Nuovo Ad di ItsArt - Foto da ufficio stampa

Guido Casali è il nuovo Amministratore delegato e Content director di ItsArt, la piattaforma della cultura italiana lanciata a giugno di quest’anno. La nomina è avvenuta venerdì 1 ottobre 2021, quando il Cda ha nominato anche Giorgio Tacchia come Presidente. Casali è stato indicato da Cdp, socio di maggioranza di ItsArt al 51%, mentre Tacchia è espressione del partner tecnologico Chili Spa, socio al 49% della piattaforma in streaming promossa dal MiC per distribuire l’arte e la cultura italiana nel mondo.

Casali, manager e professionista affermato in ambito culturale, con un passato in Sky Italia, Nexo Digital e una esperienza come collaboratore del “Creative Europe – Media Programme” presso la Commissione Europea, si è detto contento del nuovo incarico. “Sono molto contento di poter mettere la mia esperienza a disposizione di un progetto che ha grandi potenzialità in Italia e all’estero – ha dichiarato il nuovo Ad – e che allinea la proposta on demand ai nuovi modelli di fruizione. Ringrazio Giano Biagini, i soci e tutto il team di ITsART per il lavoro svolto fin qui. I prossimi mesi saranno dedicati ad aumentare ulteriormente la quantità e la varietà dei contenuti con un lavoro di ricerca, indagine e confronto. L’obiettivo è anche quello di iniziare a sviluppare nuovi formati che raccontino l’Italia attraverso il suo patrimonio culturale, artistico e umano dialogando e collaborando con tutti i soggetti che lavorano su un territorio unico al mondo”.

In ItsArt sarà responsabile anche della linea editoriale e della supervisione della strategia dei contenuti rilasciati in piattaforma per raggiungere gli obiettivi del gruppo e dell’azienda.

Giano Biagini, direttore generale di Chili, chiamato dai soci per la sua esperienza nell’avvio di progetti complessi a ricoprire il ruolo di primo AD e guidare lo start up societario, tecnico, e commerciale, tornerà a ricoprire full time il suo ruolo in Chili come pianificato. Biagini, affiancato durante la fase iniziale da Antonio Garelli (CDP) in qualità di presidente, che per il cambio di governance rimarrà nel board in qualità di consigliere.

“Diamo il benvenuto a Guido – ha commentato l’amministratore uscente -, lasciamo nelle sue mani un progetto avanzato, di grande qualità e potenziale. In pochi mesi siamo riusciti a rendere pienamente operativo il servizio, distribuendo con diversi modelli di business ed integrandoci con numerose controparti tecniche, dispositivi connessi e smart TV, pronti per scalare a livello internazionale. Abbiamo contrattualizzato oltre 100 tra le principali istituzioni culturali del paese, portando in piattaforma molti contenuti ed eventi esclusivi di alta qualità, live ed on demand”.

E Biagini aggiunge: “Ringrazio tutte le istituzioni culturali che stanno collaborando con noi e le oltre sessanta persone che hanno lavorato al progetto, un team straordinario che è riuscito a raggiungere un ambizioso obiettivo tecnico e commerciale in tempi record, seguendo le best practice nella strutturazione della società, degli accordi commerciali, nella tutela dei diritti di tutti i soggetti coinvolti nella catena produttiva. Darò a Guido Casali tutto il supporto necessario per gestire al meglio il piano di crescita dei prossimi mesi, a partire dall’imminente espansione dell’offerta in tutti i paesi dell’Unione Europea, prevista proprio nel mese di ottobre, e dalla distribuzione di un corposo palinsesto eventi autunnale”.

I numeri di ItsArt – Dalla piattaforma, nata con grandi attese tanto da essere stata subito ribattezzata la “Netflix della cultura italiana” dal ministro Dario Franceschini, fanno sapere che nei primi quattro mesi di attività sono stati oltre 350.000 gli streaming di contenuti visualizzati (tra cui gli eventi esclusivi di Neri Marcorè con Le Divine donne di Dante, il live streaming del Concerto per Dante diretto da Riccardo Muti, il Concerto sinfonico con il maestro Zubin Mehta sul podio del Maggio Musicale Fiorentino, il concerto evento di Claudio Baglioni al Teatro dell’opera di Roma e molti altri),ed oltre 1100 titoli, tra cui 60 contenuti ed eventi distribuiti in esclusiva.

Rispondendo ai mugugni di chi ha dipinto ItsArt come un flop, dalla piattaforma sottolineano come si siano registrati già “numeri significativi, con oltre 1 milione di accessi e 80.000 clienti registrati” nonostante le attività “siano appena partite e questo sia avvenuto nei mesi estivi caratterizzati da una bassa stagionalità dei servizi di video streaming”.

I dati in costante aumento fanno ben sperare i vertici aziendali che prevedono per i prossimi mesi “una rapida crescita guidata dalla qualità degli eventi esclusivi che saranno presenti in piattaforma, dall’estensione del perimetro distributivo previsto con l’apertura del territorio europeo ed i rilasci delle App per iOS e Android, oltre che da partnership e progetti innovativi attualmente in via di sviluppo”.

Approfondimenti