La pubblicità sulle ali di Twitter

0
56

twitter2.jpgLa pubblicità è l’anima del commercio. Devono averlo capito anche i vertici di Twitter, il sito di microblogging creato da Jack Dorsey, che hanno presentato “Promoted tweets”, cinguettii promozionali pubblicati da aziende e organizzazioni che vogliono pubblicizzare i loro prodotti e servizi agli utenti del microblog. Il sistema di inserzioni a 140 caratteri, lunghezza massima di un messaggio su Twitter, sarà proposto a una parte degli utenti abituali del social network, tra il 2 e il 10%, nei prossimi giorni. “Gli utenti inizieranno a vedere tweet promossi dai nostri partner inserzionisti, messi in evidenza in cima alle pagine dei risultati di ricerca di Twitter.com”, ha spiegato Sean Garrett, portavoce del sito. Il potenziale pubblicitario di Twitter sembra essere molto grande dal momento che alcuni colossi statunitensi come Best Buy, Red Bull, Sony Pictures, Starbucks e Virgin America si sono interessati all’iniziativa. Per gli utenti ci sarà la piccola scocciatura di doversi abituare alla pubblicità correlata ai messaggini, sulla falsariga dei link sponsorizzati di Google. A sottolineare il cambio di marcia del social network dei cinguettii la decisione di sbarcare nel settore della mobilità, un ambito quasi naturale per le sue peculiarità. Twitter ha, infatti, acquistato Atebis, società produttrice dell’applicazione per iPhone “Twittie”. Il programma è uno dei tanti che permette ai possessori del melafonino di aggiornare la pagina di Twitter mediante il dispositivo mobile. Rilevando la società, il social network entra ufficialmente in possesso dell’applicazione, con tutto ciò che ne consegue: modalità di fruizione, eventuali sponsorizzazioni, ecc. La prima mossa per “Twitter for iPhone”, questo il nuovo nome dell’applicazione è quello di renderla gratuita e di eliminare così il costo precedente di 2,99 dollari. L’obiettivo è quello di rosicchiare utenti a Facebook laddove la correlazione fra sms e twett può fare la differenza. “Stiamo lavorando sodo per migliorare il nostro prodotto, aggiungere nuove funzionalità, operare acquisizioni quando è nel migliore interesse dell’intero ecosistema”, ha affermato il responsabile di Twitter, Ryan Sarver. L’attacco al mobile passa anche per Blackerry e per il rilascio dell’applicazione dedicata agli smartphone di Research in motion, rilasciata in questi giorni.