“Libro bene essenziale”. L’appello degli editori al governo

0
70
Ricardo Franco Levi, presidente Aie

Preservare il valore del libro come bene essenziale. E’ l’appello lanciato dal presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi alle istituzioni dopo le restrizioni anticovid previste nell’ultimo Dpcm. “Il libro è un bene essenziale – ha dichiarato Levi – Ci appelliamo alle istituzioni di ogni livello perché preservino il valore della lettura anche in questo nuovo, difficile momento di chiusure e restrizioni per il commercio e l’economia nazionale”.

Dopo le misure di sicurezza emanate dall’ultimo DPCM, alcune Regioni hanno previsto la chiusura nei week end di grandi negozi e centri commerciali, ad esclusione della vendita di generi alimentari e altre tipologie merceologiche che però non includono i libri. Tali misure, al momento, costringono quindi molte librerie in tutto il Paese alla chiusura forzata.

“Voglio ricordare – conclude Levi – che nei decreti di aprile il libro era già stato classificato come bene essenziale e per questo le librerie erano state selezionate, dopo la fine del primo lockdown, come una delle prime attività a poter riaprire. Tutte le indagini di questi mesi, inoltre, ci dicono che gli italiani hanno trovato nel libro un alleato e un conforto per superare questi mesi difficili. Accogliamo con senso di responsabilità le scelte delle istituzioni per contenere la pandemia, ma crediamo anche che al libro vada riconosciuto un valore specifico, che va oltre a quello di oggetto di consumo”.

Approfondimenti