“Loki”, la nuova serie Marvel sul dio dell’inganno

0
196

Debutta oggi su Disney+ Loki, serie tv incentrata sull’omonimo personaggio della Marvel, dio dell’inganno (figlio di Odino e fratello di Thor) già comparso al cinema nei film degli Avergers. Ad interpretarlo ci sarà, come sul grande schermo, ancora Tom Hiddleston. Un viaggio lungo 6 episodi che darà vita ad un avventura epica e ricca di colpi di scena, adrenalinica ma condita anche da elementi di commedia.

In seguito al furto del Tesseract ed alla modifica del flusso temporale, il protagonista viene arrestato dalla Time Variance Authority, l’autorità che supervisiona il tempo. A questo punto viene obbligato a compiere una scelta: essere cancellato dall’esistenza oppure aiutare l’Autorità a riparare le linee temporali che lui stesso ha creato inavvertitamente. L’alternativa scelta è la seconda, e Loki si trova quindi a dover viaggiare avanti e indietro nel tempo per rimediare ai propri errori e sventare una terribile minaccia. Ad aiutarlo ci sarà Mobius (interpretato da Owen Wilson), agente della TVA specializzato nella ricerca di varianti pericolose, con cui il protagonista si troverà a collaborare fianco a fianco.

“Ciò che amo di questa serie è che Loki si trova privato di tutte le cose che gli erano familiari. Thor non è nei paraggi e nemmeno gli Avengers, Asgard è ormai lontana. Loki non ha più potere, né status” ha spiegato Hiddleston, “Se gli levi tutte queste cose con cui si era identificato negli ultimi sei film, cosa rimane di lui? Chi è Loki senza tutto questo? Cosa rende Loki ciò che è? Credo sia molto affascinante chiedersi tutte queste cose: Loki sarà capace di crescere o di cambiare? Questa esperienza nella TVA gli chiarirà le idee su chi diventerà? Spero che il pubblico si diverta a esplorare questa possibilità con la serie”. Decisamente entusiasta anche Owen Wilson, spalla del protagonista nella serie: “È stata un’esperienza incredibile, soprattutto per la passione dei fan.  La Marvel sta molto attenta a quello che fa, a non lasciarsi andare”. E poi, sul rapporto umano e professionale che si è creato sul set con Hiddleston, “ci siamo confrontati, mi ha fatto da guida in questo universo e ha risposto alle mie domande e ai  miei dubbi” sottolinea Wilson, “il rapporto tra Loki e Mobius assomiglia a una partita a scacchi”.