Media monitoring. FederRassegne allarga la sua rappresentanza. Soddisfazione sul Copyright

0
145
Pasquale D’Innella Capano di Telpress - Foto da Uffcio stampa Telpress

FederRassegne, la prima associazione italiana indipendente e no profit di aziende produttrici di rassegne stampa ed altri servizi di media monitoring, allarga la propria rappresentanza del settore. Dopo il recente ingresso di Volocom e Kantar Media, si apprestano ad entrare in FederRassegne anche Extrapola e InfoMonitòra. Altre importanti realtà del settore che si aggiungono ai soci fondatori Infojuice (Euregio), Mimesi, Press Today e Telpress. Le due nuove società saranno rappresentate in FederRassegne da Stefano Marioni, per Extrapola, e da Riccardo Ramuglia per InfoMonitòra.

Soddisfazione sul Copyright – La recente assemblea dell’Associazione, che ha confermato il proprio direttivo con Pasquale D’Innella Capano di Telpress Italia alla presidenza e Marina Bonomi amministratore delegato di Mimesi alla vicepresidenza, è stata anche l’occasione per esprimere la soddisfazione di tutti i partecipanti per l’aggiornamento della legge sul Diritto d’autore, attraverso il recepimento della Direttiva europea sul Copyright.

In particolare, per FederRassegne “assume particolare rilevanza l’incarico conferito ad AgCom per l’individuazione dei più corretti criteri per la definizione dell’equo compenso, dovuto agli editori per l’utilizzo dei loro contenuti”.

“L’inserimento delle società di Media Monitoring nel complesso dei soggetti interessati alle nuove norme – scrive l’Associazione in una nota – rappresenta l’ultima e positiva conferma che il Governo si è mosso considerando gli interessi di tutte le parti in causa. La possibilità di rappresentare ad AgCom tutte le peculiarità di un settore, come quello degli operatori di Rassegne Stampa, consentirà di sottolineare le ragioni per adottare criteri parzialmente diversi per l’individuazione dell’equo compenso, rispetto a quelli previsti per le grandi piattaforme digitali internazionali”.

Approfondimenti