Mediaset-Vivendi – La rassegna del 4 maggio

0
195

Pace fatta, dopo cinque anni di liti, tra Mediaset e Vivendi: Parigi scenderà nel capitale del Biscione. Le parti «sono liete di annunciare il raggiungimento di un accordo globale per mettere fine alle controversie, rinunciando reciprocamente a tutte le cause e denunce pendenti», annuncia una nota congiunta al termine di una trattativa serrata (Sole p.1-25, MF p.1-2, Messaggero p.1-15 e tutti). Bolloré cederà subito a Fininvest il 5%, poi in cinque anni il  19,19% in capo a Simon Fiduciaria: resterà per adesso il 4,6%. Prevista una cedola-extra di 0,3 euro per tutti i soci (da pagare il 21 luglio), in cambio il socio sosterrà i nuovi piani internazionali: potrà quindi finalmente partire il “progetto Olanda”, ma più in generale Mediaset torna libera di seguire le proprie strategie verso l’estero, spiega in dettaglio l’analisi a corredo del Corriere. Sul via libera al “progetto europeo” del Biscione in dettaglio anche Repubblica (p.1-24) e Stampa (p.18), secondo cui l’intesa apre a scenari che coinvolgeranno anche Telecom. Il Giornale (p.1-20) e Libero (p.15) evidenziano anche un risarcimento finale e la futura collaborazione con i francesi sui mercati Ue. Secondo l’analisi di Oliveri a corredo sul Sole “dopo cinque anni di scontro nessuno può cantare vittoria”: Cologno infatti ha perso tempo sul polo estero, mentre Vivendi ha ottenuto lo stop alla Gasparri, ma non ne ha beneficiato. Da segnalare infine che Cologno taglierà lo stipendio al top management, dato che l’ebit delle attività italiane è diminuito del 58% a 38,5 milioni (MF p.2).