Mondiali di calcio in tv: 64 partite in diretta, 21 su Canale 5

0
124

In casa Mediaset fervono i preparativi. Dopo 26 Champions League, 17 tra coppe Intercontinentali e Mondiali per club e 14 Campionati di Serie A, è tempo per Cologno di raccontare un Mondiale di calcio. L’avventura di Russia avrà inizio il 14 giugno (Russia-Arabia Saudita alle ore 17), la finalissima il 15 luglio. Un torneo da 64 partite, tutte in diretta (22 in prime time, nessuna in orario notturno) e totalmente gratis per gli italiani. Le partite più importanti, 21 in totale, andranno in onda su Canale 5: la gara d’apertura; quattro gare del girone (Portogallo-Spagna; Brasile-Svizzera; Argentina-Croazia e Germania-Svezia); e le 16 partite dagli ottavi alle due finali. Altre 35 gare in diretta su Italia 1; otto partite, infine, saranno trasmesse sul nuovo canale “20”. Tutte le 64 partite saranno live anche sul canale Mediaset Extra con commento differente. In particolare, la gara d’apertura, le due finali e tutte le partite del prime time avranno il commento della Gialappa’s. Tutte le partite in prime time saranno trasmesse anche in 4k.

Il Mondiale di Russia è costato a Mediaset – si dice – circa 80 milioni solo in diritti tv. Soldi ai quali vanno aggiunti i costi di produzione. Insomma, per la concessionaria Publitalia il target deve essere di oltre 100 milioni di raccolta pubblicitaria. Anche se, per la verità, l’ad Mediaset Pier Silvio Berlusconi ha spiegato che “il costo reale”, al netto dei palinsesti che non andranno prodotti per quel periodo, è “intorno ai 40-45 milioni”. Ma per Mediaset – che raccoglie il 38% della pubblicità italiana sul mezzo tv – quella dei Mondiali oltre che un’operazione commerciale è un’operazione d’immagine. Il “Biscione” ha mollato la presa su Premium e sta concentrando di nuovo il suo business sulla tv generalista. Anche se non recuperano tutti i milioni spesi, accreditandosi come valida alternativa al servizio pubblico ci guadagnano lo stesso.