Nasce “Jundo”, la piattaforma web made in Italy dedicata ai fumetti

0
198

Un team di ragazzi italiani under 30 ha ideato e creato Jundo, una piattaforma digitale dedicata alla lettura online di fumetti. Il concept è  molto simile a quello di servizi come Netflix o Amazon Prime Video, incentrati però su film e serie tv. Gli utenti di Jundo potranno contare su una consistente library di opere originali (italiane ed internazionali) realizzate da talentuosi autori emergenti, ma anche su titoli stranieri finora inediti nel nostro Paese. Il servizio è accessibile da qualunque dispositivo attraverso la sottoscrizione di un abbonamento mensile di 1,99 euro. Gli autori avranno la possibilità di proporre i propri fumetti sia in formato cartaceo che digitale, ovviamente ottimizzato in maniera adeguata per poter essere letto sia su pc che su tablet o smartphone.

Il progetto, come riporta Affaritaliani.it, è stato realizzato dai giovani protagonisti grazie alla vittoria del bando della Regione Lazio “Fondo per le startup culturali e creative”, avente l’obiettivo di espandere l’orizzonte del fumetto,  permettendo agli autori emergenti di arrivare sul mercato e di evitare le difficoltà legate all’autoproduzione e alla distribuzione. “La scuola italiana del fumetto è un riferimento a livello internazionale, siamo riconosciuti in tutto il mondo ma c’è una stagnazione generalizzata: opere straniere irreperibili e leader di vendite che sono gli stessi da più di 30 anni – spiega il fondatore e Lead Strategist di Jundo Lorenzo Carucci – “I prezzi dei vari volumi sono elevati e per un lettore spendere tanto per il volume di autore emergente diventa complesso. Moltissimi autori si scontrano inoltre con l’impossibilità di entrare nel mercato, costretti a sfide logistiche, costi di promozione altissimi e identificazione automatica in una nicchia di mercato – prosegue – “Jundo non pone limiti a stili e generi, si basa su una soluzione che fonde digitale e cartaceo, portando opere inedite in Italia, e punta distruggere queste barriere donando una nuova linfa vitale nel mondo del fumetto”.