Nasce ShopCall la soluzione online per mantenere aperti i negozi in tempo di pandemia

0
406

L’hanno già ribattezzato l’e-commerce dal volto umano. Stiamo parlando di “Shopcall”, la soluzione tecnologica, inventata da Hoplo, che vuole consentire ai punti vendita tradizionali di tenere alzate le saracinesche anche in periodi di lockdown come quello che stiamo vivendo. Grazie a questa nuova piattaforma digitale artigiani e commercianti possono continuare ad avere un rapporto diretto con il cliente attraverso una semplicissima video-chiamata.

“ShopCall permetterà di digitalizzare la vetrina fisica e invitare chiunque a prendere appuntamento e visitare il negozio accompagnato dal negoziante, potrà scegliere il prodotto più indicato, spiegare nel dettaglio le sue esigenze e vedere attraverso il video i vari prodotti e concludere l’acquisto anche online attraverso un sistema di pagamento semplicissimo integrato con Stripe” commenta Roberto Murgia proprietario di Hoplo, società con una lunga esperienza nel settore della tecnologia a sostegno delle aziende. “Anche la logistica – continua Murgia – sarà agevolata e il compratore potrà decidere di ritirare il prodotto in negozio quando potrà passare oppure riceverlo comodamente a casa”.

Grazie a questa soluzione i commercianti tradizionali possono rimettere al centro della loro attività la narrazione del prodotto anche se a distanza. Con ShopCall gli esercenti, possono continuare ad offrire ai propri clienti la consulenza all’acquisto in qualunque momento, investendo 40 euro del costo dell’abbonamento mensile, pagando una commissione sulle transazioni pari all’l,9% più 25 centesimi sulle carte nazionali con zero costi di set-up. Un compromesso accettabile in un periodo di restrizioni come questo che stiamo vivendo in cui, dati di Confesercenti alla mano, le vendite dei negozi sono calate dell’11,3%, mentre allo stesso tempo, come dicono i numeri dell’osservatorio sull’eCommerce B2C Netcomm del Politecnico di Milano, le vendite di prodotti online sono aumentate del 31%, con una crescita netta di 5,5 miliardi di euro rispetto a 12 mesi fa, per un valore totale che ha raggiunto quota 23,4 miliardi.

Approfondimenti