Netflix, il film sul delitto di Yara conquista il pubblico italiano e straniero

0
169
Una scena del film - Foto: ufficio stampa Netflix

Dal 5 novembre scorso è disponibile su Netflix Yara, film diretto da Marco Tullio Giordana che ripercorre la tragica vicenda di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra (nel bergamasco) che nel novembre del 2010 scomparve misteriosamente per essere poi ritrovata senza vita tre mesi più tardi. Dopo anni di indagini e test, si arrivò all’incriminazione del muratore Massimo Giuseppe Bossetti, che nel 2016 venne condannato all’ergastolo in quanto ritenuto colpevole di aver rapito la ragazza in strada (probabilmente allo scopo di abusare di lei) ed averla poi brutalmente uccisa ed occultato il cadavere. La vicenda acquistò in breve tempo una risonanza mediatica impressionante e, ancor oggi, è ricordata come uno dei casi di cronaca nera che maggiormente hanno interessato l’opinione pubblica del Paese.

Il film, che prossimamente arriverà anche su Canale 5, ricostruisce gli avvenimenti in maniera secca e lineare, evitando per quanto possibile di scivolare sul versante dell’emotività e fornendo quindi un racconto coerente di una vicenda che, con i suoi misteri e le sue complessità, ha segnato la storia recente della criminologia italiana. L’interesse del pubblico è stato pressoché immediato, non solo di quello italiano che conosce piuttosto bene la storia in questione. Ciò che sorprende maggiormente è infatti lo straordinario successo che la pellicola ha già riscosso all’estero. Basti pensare che nella classifica dei film più visti del momento su Neflix Yara occupa il secondo posto in Spagna, il terzo in Francia ed il sesto in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.