La Gazzetta dello sport licenzia due vicedirettori. Solidarietà dei Cdr di Rcs

I comitati di redazione di Gazzetta dello Sport, Corriere della Sera e Periodici Rcs intervengono sulla vicenda dei due vicedirettori, Stefano Cazzetta e Umberto Zapelloni, licenziati per "esigenze organizzative" alla vigilia di una riunione tra direzione, azienda e comitato di redazione con all'ordine del giorno la riorganizzazione del lavoro, compresi gli aspetti riguardanti l’integrazione carta web e la verticalizzazione.

"La redazione della Gazzetta dello Sport, avendo appreso con grande disappunto della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro di due colleghi che ricoprivano il ruolo di vicedirettore, manifesta la propria ferma contrarietà di fronte a una decisione totalmente immotivata. Resa operativa, peraltro, con una modalità spiacevole, grave e inaccettabile", è il commento del Cdr della Gazzetta dello Sport.

"In tanti anni di lavoro in Gazzetta – proseguono i giornalisti – i due colleghi hanno assolto con impegno ai compiti loro affidati, rappresentando il giornale in modo impeccabile e senza mai venir meno alle responsabilità e mansioni che il ruolo comporta. Per questo la redazione offre ai due colleghi la propria piena solidarietà".

Anche il Cdr del Corriere della Sera esprime "piena solidarietà ai colleghi della Gazzetta dello Sport in merito alla risoluzione del rapporto di lavoro di due vicedirettori" e manifesta "forte preoccupazione per le modalità gravi e senza precedenti all'interno del gruppo Rcs".

Infine, il Cdr di Rcs Periodici si dice "preoccupato per le modalità gravi e inusitate, mai adottate prima nel Gruppo Rcs, relative al licenziamento dei due vicedirettori" ed esprime "piena solidarietà ai colleghi della Gazzetta dello Sport".

Da contratto i vice direttori sono licenziabili perché il loro rapporto è strettamente fiduciario con il direttore e l'editore e a quest'articolo si rifà la comunicazione scritta dell’azienda ma quello che colpisce è che da un momento all'altro i due sono stati tolti dalla tolda di comando, dalla gerenza e dal borderò dell'amministrazione e su questo effetto shock punteranno per avere una qualche soddisfazione.

Ma se in Gazzetta i due licenziamenti sembrano essere soltanto l’inizio di una nuova totale rivoluzione che nella logica di direzione e azienda tenderà ad abbattere qualunque steccato tra carta e digitale con una completa integrazione di ogni settore e di ogni giornalista nell'intero sistema Gazzetta, anche un altro storico quotidiano sportivo italiano sta riorganizzando le sue gerarchie. Da sabato, infatti,Xavier Jacobelli, 58 anni bergamasco, è tornato a guidare Tuttosport. Jacobelli, alla seconda esperienza come direttore del quotidiano sportivo torinese, da tempo lavora per l’editore Roberto Amodei tra Corriere dello Sport e Tuttosport, con una parentesi in Quotidiano.net e calciomercato.com.

Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.