Salone del libro Torino, le "visioni" al centro della 29esima edizione

Visioni, intese "non come generiche velleità utopistiche", ma come "capacità di darsi progetti realizzabili": è questo il tema scelto per l'edizione 2016 del Salone del Libro in programma al Lingotto Fiere dal 12 al 16 maggio. "Vogliamo parlare di gente che sta andando lontano perché capace di questa visione", ha spiegato il direttore editoriale della Fondazione, Ernesto Ferrero presentando la 29esima edizione della kermesse. Testimonial sarà Roberto Cingolani, giovane fisico genovese, esperto di nanotecnologia. "L'ingresso di soci prestigiosi come Intesa e Unicredit - ha aggiunto Ferrero - ci permette di avere una navigazione più tranquilla e di migliorare il prodotto. Innovazione nella continuità, e una formula collaudata che ha funzionato per 20 anni e funzionerà ancora. Solo una sana manutenzione più agevole con soci forti alle spalle". Quella di quest'anno vuole essere una edizione di rilancio della manifestazione l'ultimo "annus horribilis" pieno di brutte pagine: polemiche, buchi di bilancio, dimissioni a sorpresa. Una edizione che sappia sognare o risvegliarsi dall'incubo e vincere le sfide del futuro. La prossima, infatti, sarà prima edizione del dopo-Picchioni, patron storico della manifestazione, finito sotto inchiesta per peculato, ma difeso dal direttore Ferrero e omaggiato dalla platea con un lungo applauso. Non a caso l'immagine guida del Salone, il primo presieduto da Giovanna Milella, è stata regalata da un artista visionario come Mimmo Paladino: un libro alato azzurro che sembra galleggiare nell'infinito. Focus di questa edizione sarà sulla letteratura e sulla cultura araba: ci saranno il direttore del Museo del Bardo di Tunisi, Moncef Ben Moussa; il poeta siriano-libanese Adonis, considerato l'autore più significativo della lirica in lingua araba, ma anche lucido osservatore delle derive dell'Islam radicale; il narratore algerino Yasmina Khadra (nome d'arte di Mohamed Moulessehoul), autore di un volume che ricostruisce le ultime ore di Gheddafi.Due gli eventi speciali previsti: una mostra dedicata ai Quaderni del carcere di Antonio Gramsci (al Lingotto sarà ricostruito il suo studio, con la scrivania originale) e una con i documenti dello storico Piero Melograni sulla Prima guerra mondiale, di ritorno da un'esposizione a Parigi.Grande attenzione sarà data agli anniversari: i 70 anni della Repubblica, i 500 anni della prima pubblicazione dell'Orlando furioso, le figure di Miguel Cervantes e William Shakespeare che morirono a un giorno di distanza nell'aprile del 1616, i cento anni dalla scomparsa di Guido Gozzano, il poeta delle buone cose di pessimo gusto, e dalla nascita di Natalia Ginzburg, la cui inconfondibile voce ha scavato meglio di ogni altra nei segreti della famiglia.

Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.