Collaboratore fisso, solo professionista o anche pubblicista? Lo stabilirà la Cassazione

Saranno le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione a stabilire se il collaboratore fisso debba necessariamente essere un giornalista professionista e non possa essere un pubblicista, anche se eserciti di fatto l'attività in modo esclusivo, per scelta o per necessità, risultando le caratteristiche delineate dall’art. 2 del Contratto nazionale di lavoro giornalistico Fieg-Fnsi (continuità di prestazione, vincolo di dipendenza e responsabilità di un servizio) assolutamente compatibili con quelle descritte dall’art. 1 della legge n. 69 del 1963 (attività giornalistica non occasionale e retribuita, e non necessariamente esclusiva, potendo il pubblicista esercitare anche altre professioni o impieghi).

La Sezione Lavoro della Suprema Corte, con ordinanza interlocutoria n. 14262 del 24 maggio 2019 (presidente Federico Balestrieri, relatore Carla Ponterio), su conforme richiesta del sostituto procuratore generale Rita Sanlorenzo, e accogliendo le tesi dei legali di una collaboratrice del quotidiano Il Sole 24 Ore, ha infatti sostenuto la legittimità dell’attività giornalistica svolta, anche in modo esclusivo e continuativo, dal collaboratore fisso iscritto nell'elenco dei pubblicisti, in quanto la legge n. 198 del 2016 ha esplicitato che "nessuno può assumere il titolo, né esercitare la professione di giornalista, se non è iscritto nell'elenco dei professionisti ovvero in quello dei pubblicisti dell’albo istituito presso l’Ordine".
Risultando, però, questa conclusione in aperto contrasto con una recente sentenza della stessa Cassazione (la n. 3177 del 2019) che aveva, invece, elevato il dato quantitativo della esclusività ad unico elemento discretivo tra le due figure di giornalista professionista e di pubblicista, i supremi giudici hanno quindi contestato i principi affermati da questa recente decisione ritenendoli illogici perché si dovrebbe assurdamente escludere la nullità del rapporto di lavoro del pubblicista collaboratore fisso che svolga anche altre professioni, ed affermare la nullità se il medesimo soggetto svolga le identiche mansioni di collaboratore fisso, senza però essere occupato in altre professioni. Insomma, la nullità dipenderebbe da circostanze che potrebbero essere del tutto casuali e involontarie. (Fonte: giornalistitalia.it)

Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.