Formazione giornalisti. Le indicazioni dell'Ordine per i ritardatari

E' appena terminato il secondo triennio di formazione obbligatoria per i giornalisti iscritti all'albo ed i numeri di coloro che non hanno adempiuto all'obbligo sembrano non essere così esigui. L'ottenimento dei famosi crediti non piace a molti ed è spesso visto come una noiosa perdita di tempo. Ma resta pur sempre un obbligo di legge per gli iscritti all'albo professionale. Per questo, l'Ordine nazionale dei giornalisti ha appena diffuso le indicazioni per permettere ai "ritardatari" di recuperare i crediti mancanti.

I giornalisti inadempienti "avranno tempo fino al 30 giugno prossimo - si legge in una nota - per avviare il percorso di recupero dei crediti mancanti, da completare entro e non oltre il 30 settembre 2020". "Sarà cura dell'iscritto - continua il comunicato del Cnog - richiedere all'Ordine regionale di appartenenza che i crediti maturati fino a settembre 2020, espressamente indicati nell'istanza, vengano imputati al triennio appena concluso e non al nuovo periodo formativo 2020-2022.

A conclusione della nota "si fa presente che l’eventuale completamento della fpc, nel tempo di recupero, relativamente al triennio 2017-2019 non verrà per il momento riportato sulla piattaforma SIGEF". Per avere ulteriori chiarimenti sulle modalità di recupero il Cong invita a contattare l'Ordine regionale di appartenenza.

Pin It