Minacce Br al Giornale? Tutto inventato

giornale-genova.jpgSi era inventato tutto. Le minacce di matrice brigatista arrivate alla redazione genovese de “Il Giornale” le aveva scritte da solo. A confessare l'incredibile comportamento è stato lo stesso Francesco Guzzardi, 49 anni, collaboratore del quotidiano diretto da Vittorio Feltri e presunta vittima delle sue stesse intimidazioni. La vicenda, raccontata anche da Informa, aveva visto protagonista Guzzardi e il capo redattore della redazione genovese Massimiliano Lussana, destinatari delle minacce contenute in un volantino con la stella a cinque punte simbolo delle Brigate rosse, trovato sotto la porta della redazione. La notizia aveva generato la solita gara di solidarietà verso i colleghi da parte dell'Ordine dei giornalisti e delle altre associazioni di categoria. Ma anche un'indagine da parte della Digos. E proprio alla Digos è arrivata l'incredibile confessione. Guzzardi ha fatto tutto da solo: ha ideato lui il testo volutamente sgrammaticato in cui minacciava se stesso e la sua redazione, lo ha scritto di proprio pugno con mano la sinistra e usando il normografo, ha siglato il foglio con la stella a cinque punte, lo ha infilato sotto la porta d'ingresso del giornale, ha raccolto la solidarietà di tutto il mondo giornalistico e, non contento, ha anche scritto un editoriale in cui prometteva che avrebbe continuato a scrivere sulle storture di Valbisagno, il quartiere di Genova di cui era corrispondente, senza lasciarsi intimorire da nessuno. Come scusante di tutto questo polverone il giornalista ha detto di aver voluto attirare l'attenzione su di sé per ottenere protezione, dal momento che era da tempo minacciato da alcuni nomadi e personaggi poco chiari della Valbisagno, che aveva già denunciato senza ottenere alcun aiuto. Invece della protezione Guzzardi si è guadagnato una denuncia per simulazione di reato e procurato allarme, un probabile provvedimento disciplinare da parte dell'Ordine ligure dei giornalisti e, per finire, il licenziamento in tronco da parte del giornale.
Pin It