Concorso giornalisti Rai. C'è la data preselettiva: sarà il 10 Ottobre

La data tanto attesa dai 3.722 candidati alla prova preselettiva del concorso Rai è arrivata: l'appuntamento per tutti è fissato il 10 ottobre prossimo alla nuova fiera di Roma, alle ore 9. I giornalisti professionisti che si sono candidati ad uno dei 90 posti messi a concorso per le testate regionali Rai dovranno presentarsi, in possesso di un documento di identità valido e del Tesserino dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, pena la non ammissione. Le informazioni sono arrivate ai candidati a mezzo email. Nel messaggio è specificato che entro il giorno 2 ottobre, gli interessati...

Leggi tutto

Mediaset-Vivendi. L'Agcom chiede il parere dell'avvocatura di Stato

Sulla partecipazione di Vivendi in Mediaset, l'Agcom passa la palla dell’Avvocatura di Stato. Dopo la sentenza della Corte di giustizia dell'Ue, che ha accolto il ricorso del gruppo francese contro la limitazione, imposta dall'Autorità delle comunicazioni, sulle quote di partecipazione nel biscione, il consiglio dell'Authority ha chiesto il parere all'organo legale dello Stato. La sentenza europea contesta alcuni articoli del Testo unico per il settore delle telecomunicazioni e radiotelevisivo (Tusmar), in particolare in riferimento ai limiti imposti concentrazioni per garantire il...

Leggi tutto

Mediaset, la Corte di giustizia Ue dà ragione a Vivendi sul pluralismo

La guerra tra Fininvest e Vivendi fa segnare un altro punto a favore del gruppo francese guidato da Vincent Bolloré. La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha accolto il ricorso di Vivendi contro i limiti di accentramento imposti dal Testo unico sulla dei servizi di media audiovisivi e radiofonici (Tusmar) per garantire il pluralismo dell'informazione. Il decreto legislativo italiano del 2005, emanato in virtù della legge delega conosciuta con il nome dell'allora Ministro delle comunicazioni Maurizio Gasparri, vieta ad una società di realizzare oltre il 20% dei ricavi complessivi del...

Leggi tutto

Rassegne stampa, Agcom ordina a Eco della Stampa la rimozione di articoli

Nuova tegola per l'Eco della Stampa nella battaglia contro gli editori sulle rassegne stampa. Dopo il rigetto dei ricorsi presentati dalla società di media monitoriring da parte del Tar e del Consiglio di stato, l'Agcom ha ordinato alla società romana di provvedere, alla rimozione, dal proprio servizio di rassegne stampa, degli articoli recanti la clausola di riproduzione riservata di titolarità delle Società Class Editori S.p.A., Avvenire nuova editoriale italiana S.p.A, Il Tempo S.r.l., Italia Oggi Editori Erinne S.r.l., Editoriale Libero S.r.l., La Prealpina S.r.l., Corriere dello Sport...

Leggi tutto

Diritti Tv Serie A. Il tribunale condanna Sky: ha 40 giorni per pagare

Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso della Lega Serie A contro Sky, emettendo un decreto ingiuntivo ma non esecutivo nei confronti della pay tv per il mancato pagamento dell'ultima rata bimestrale dei diritti tv del 2019/20, da 131 milioni di euro, in scadenza a maggio (nel frattempo è stata invece versata la prima rata della prossima stagione). "Dai documenti il credito risulta certo, liquido ed esigibile", e si rileva "in particolare che sussiste prova scritta delle obbligazioni contrattuali di pagamento assunte, rispettivamente, dalle società intimate, non risultando dagli atti...

Leggi tutto

Un consorzio filantropico salva l'Associated press australiana

L'Australian Associated Press (AAP) è salva. A scongiurare la chiusura dell'agenzia di stampa dopo 85 anni di attività, ci ha pensato un consorzio di investimento filantropico guidato dall'ex amministratore delegato del gruppo NewsCorp. della scuderia Murdoch, Peter Tonagh. Il consorzio ha acquistato l'AAP in extremis visto che l'agenzia avrebbe cessato l'attività entro fine giugno, con la perdita di circa 500 posti di lavoro, di cui circa 180 giornalisti. Lo scorso marzo i principali azionisti dell'agenzia, la NewsCorp. Australia e la Nine Entertainment Company della Tv Channel Nine...

Leggi tutto

DL Rilancio in Gazzetta: sale a 50 milioni il fondo per radio e tv locali

Sorpresa positiva per radio e tv locali dal decreto Rilancio entrato in vigore stanotte. Nel testo del DL 34/2020, appena firmato dal presidente della Repubblica, è salito a 50 milioni di euro il Fondo emergenza per le radio e le tv locali. Sostanzialmente le norme anticipate per il pacchetto editoria sono state confermate nel testo finale. Tra le novità appunto quella relativa all'effettiva consistenza del Fondo emergenza per le radio e le tv locali, fissata alla fine in 50 milioni di euro, dopo che la cifra era rimasta in discussione fino all'ultimo: dalle iniziali previsioni orientate a...

Leggi tutto

Rai. Il Cda approva le nuove nomine: Orfeo al Tg3, Di Mare a Rai3

Il Consiglio di Amministrazione della Rai ha approvato le nomine di alcuni direttori di rete e dei telegiornale della tv pubblica che erano stati proposti dall'amministratore delegato dell’azienda Fabrizio Salini. Giovedì Salini aveva inviato le proposte al Consiglio, dopo mesi di trattative fra i partiti di governo sui nomi considerati più o meno vicini alle due forze politiche. Il Cda della Rai ha confermato la nomina, tra le altre, di Mario Orfeo a direttore del Tg3. Orfeo è stato direttore generale della Rai e in passato aveva diretto sia il Tg1 (dal 2012 al 2017) che il Tg2 (dal 2009 al...

Leggi tutto

La Scuola in Tv. Azzolina: "collaborazione Rai-Ministero di alto livello"

Tra il ministero dell’Istruzione e la Rai è nata una collaborazione di alto livello che fa bene alla scuola. Il risultato è che si offrono "nuove" produzioni, un fatto “per niente scontato” in una fase come questa. Lo ha affermato la ministra Lucia Azzolina, intervenendo oggi alla presentazione delle nuove lezioni di “La Scuola in Tv”, che partiranno da domani su Rai Scuola. E riprendendo un tema portato avanti da Valeria Fedeli, capogruppo PD Commissione Vigilanza Rai ex ministro dell'istruzione e membro del cda della Fondazione Agnelli. “Con questa presentazione di oggi – ha sottolineato...

Leggi tutto

Francia. L'antitrust ordina a Google di pagare gli editori per i contenuti

In Francia Google dovrà negoziare con i gruppi editoriali il compenso da riconoscere loro per poter condividere i contenuti online. Lo ha stabilito l’Autorità per la concorrenza francese, ordinando al gigante del web di intraprendere, entro tre mesi, i negoziati con gli editori e le agenzie di stampa sulla remunerazione per il riutilizzo dei loro contenuti protetti". Google si era finora rifiutata di applicare la normativa europea sul diritto d’autore già entrata in vigore in Francia, primo Paese a recepirla, lo scorso ottobre. "Questa ingiunzione richiede che i negoziati si traducano...

Leggi tutto