L’Usigrai sollecita il governo per la riforma sulla Rai

rai cavallo mazziniÈ il momento di intervenire. "Bisogna prendere il toro per le corna". È quanto sostiene l'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, che si rivolge direttamente al presidente del consiglio Mario Monti perché intervenga sul caso Rai. Il sindacato chiede infatti al governo e al parlamento di varare con urgenza una nuova legge che svincoli definitivamente il servizio pubblico radiotelevisivo dall'influenza della politica. Tra le possibili soluzioni all'orizzonte c'è anche una riforma dello statuto Rai, una scelta non ottimale per l'Usigrai, ma comunque già più apprezzabile di un nulla di fatto. "È evidente – spiega il sindacato – che tentare di neutralizzare in parte gli effetti perversi della Gasparri con una riforma dello statuto Rai, come leggiamo da scarne anticipazioni di stampa, sia meglio che subire passivamente la dannosa legge in vigore. Monti dica chiaramente e senza ulteriore indugio, come intende intervenire sullo statuto se questa è la sua scelta. I consiglieri "depotenziati" si rivelerebbero ancor di più a tutto tondo pletorici. Ci si chiede se in una stagione di tagli la Rai se lo possa permettere. In ogni caso rimarrebbe irrisolto il nodo evidenziato dal consiglio d'Europa: i servizi pubblici devono essere indipendenti dai governi di turno". La situazione, poi, è ancora più grave per gli ingenti tagli annunciati dalla direzione generale Rai in una manovra da 50 milioni. Tra le riduzioni proposte ci sono 800 mila Euro in meno al Tg3, 300 mila a Rai News e 200 mila al Tg1. "In momenti di crisi – spiega il comitato di redazione del Tg1 – tutti devono contribuire al risanamento, ma tagliando sprechi e rami secchi, non chiudendo sedi di corrispondenza mentre la concorrenza li sta aprendo. Tutti devono dare il buon esempio a cominciare dai vertici che dovrebbero semmai ridursi lo stipendio e non aumentarselo. La Rai paga scelte condizionate dalla politica che nulla hanno a che fare con la professionalità. È ora di cambiare passo. Di una svolta. Se non ora, quando?" Per sollecitare nuovamente il governo affinché intervenga, l'Usigrai ha votato all'unanimità l'avvio della procedura di sciopero.

Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.