Apple nei guai: accolta la class action per cartello su eBook

 

ebook appleUn cartello sui libri digitali per alzare i prezzi ai danni dei lettori. E' l'accusa di un gruppo di consumatori americani, che hanno avviato una class action contro Apple e altri cinque editori. L'azione collettiva è stata accolta da un giudice della Corte federale di New York. “Esistono fondate ragioni per ritenere che Apple sia parte integrante di questo complotto nato con l’intento di eliminare la concorrenza nella vendita al dettaglio, obbligando i consumatori a pagare un prezzo più alto per alcuni libri digitali”, ha spiegato il giudice Denise Cote.“Un’intesa illegale – ha aggiunto – in quanto consentirebbe un controllo orizzontale dei prezzi”. La denuncia era stata depositata ad agosto presso un tribunale della California e coinvolge, oltre ad Apple, gli editori HarperCollins, Hachette Book Group, MacMillan, Penguin e Simon & Schuster. Su questo presumibile cartello stanno indagando anche le Autorità Antitrust degli Stati Uniti e della Ue. Fino al 2010, anno in cui Apple ha lanciato l’iPad, il mercato americano delle edizioni digitali era largamente dominato da Amazon, che aveva praticato una politica molto aggressiva di tagli sui prezzi per incentivare le vendite del proprio eReader Kindle. Il sito di eCommerce comprava, infatti, i titoli dagli editori e fissava poi il prezzo a cui vendere al dettaglio, solitamente 9,99 dollari per eBook. In alcuni casi accadeva anche che vendesse in perdita. Poi Apple, hanno spiegato le autorità americane, “ha compreso d’avere un interesse in comune con gli editori”. “Insieme, Apple e gli editori, hanno raggiunto un accordo che ha consentito di annullare la concorrenza (quello che volevano tutti), alzare nettamente i prezzi dei libri digitali (quello che volevano gli editori), e fissare un 30% fisso per Apple su ogni eBook venduto (quello che voleva Apple)”. A seguito di questo nuovo modello di distribuzione, Amazon era stata costretta ad allinearsi alle condizioni offerte da Apple agli editori. Dopo mesi di silenzio, ad aprile la società di Cupertino è uscita allo scoperto per dire che si tratta di insinuazioni “semplicemente false”. Natalie Kerris, portavoce del gruppo, ha detto che “il lancio dell’iBookstore nel 2010 ha supportato l’innovazione e la concorrenza, ponendo fine al monopolio di Amazon nel settore dell’editoria”. Ma l’Antitrust statunitense, così come quello europeo, sostengono diversamente che la strategia messa in piedi da Apple, che permetteva agli editori di stabilire i loro prezzi, richiedendo però che essi non vendessero i loro eBook a prezzi inferiori altrove, abbia costretto i consumatori a pagare cifre molto più alte di quelle che in realtà avrebbero dovuto corrisponde.

Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.