Licenziamenti collettivi a Telecity, Telestar e Radiocity: almeno 60 esuberi

Licenziamento collettivo per 60/70 dipendenti di Telecity, Telestar e Radiocity. Lo ha anticipato l'editore in un incontro con i sindacati che si e svolto ad Assago. Un taglio drastico praticamente della metà della forza lavoro in essere, oltre alla chiusura di almeno una sede regionale. Un gruppo quello nato nel '76 nel piccolo centro dell'Ovadese su intuizione di Giorgio Tacchino, che da tempo traballa. Slc-Cgil, la Rsu, l'Associazione Ligure dei Giornalisti e Stampa Subalpina hanno contestato la decisione dal momento che l'azienda avrebbe ancora lo spazio per poter proseguire con gli ammortizzatori sociali. Inoltre le organizzazioni sindacali hanno chiesto chiarezza sul piano industriale futuro e sulla gestione dell'azienda stessa. Le preoccupazioni del sindacato riguardano anche la tempistica dal momento che, per stessa ammissione della società, una misura così traumatica garantirebbe solo 6 mesi di sopravvivenza legati all'impegno temporaneo della concessionaria di pubblicità nella trasmissione Diretta Stadio su 7Gold. Le organizzazioni sindacali hanno chiesto che anche nell'ipotizzato caso di cambio dell'appalto il committente 7Gold si faccia garante della continuità occupazionale. Dopo anni di sacrifici dei dipendenti, che dal 2012 sopportano gli ammortizzatori sociali in percentuale elevata, le organizzazioni sindacali ritengono inaccettabile le misure prospettate dall'azienda e per questo motivo annunciano fin da ora la mobilitazione dei dipendenti e tutte le iniziative finalizzate alla tutela dell'attuale livello occupazionale e al potenziamento del prodotto editoriale la cui inadeguatezza è sempre stata evidenziata in ogni sede di trattativa negli ultimi cinque anni.

Pin It