Giudice Usa: con Twitter si rinuncia alla privacy

Chi usa Twitter ha rinunciato alla privacy. La pensa così il giudice di New York Matthew Sciarrino, che è convinto che "cinguettare" sul popolare portale sia equivalente a urlare affacciandosi al balcone. Chi lo fa esce dall'ambito delle comunicazioni private per passare in quelle a carattere pubblico e, perciò, è come se di fatto rinunciasse al proprio diritto alla privacy, che, quindi, in questo caso non può essere riconosciuto. Il giudice ha quindi richiesto a Twitter di fornire i dati privati di Malcom Harris, arrestato per avere partecipato al movimento "Occupy Wall Street". Il signor...

Leggi tutto

L’Italia tutta digitale

Mercoledì 4 luglio si spengono le ultime trasmissioni analogiche. La televisione italiana è tutta digitale. Si conclude così un lungo percorso che ha coinvolto l'intero territorio nazionale a partire dalla Sardegna nel 2008 fino alla Sicilia di questo inizio luglio 2012. Il passaggio della televisione dal segnale analogico a quello digitale è stato un passo storico, compiuto nel rispetto delle tempistiche europee e che ha coinvolto 10 emittenti nazionali e oltre 550 locali, per un totale di 24.200 impianti di trasmissione. "Si tratta di un'importante prova di innovazione – commenta il...

Leggi tutto

Facebook introduce “Follow”

Segui, "Follow". Facebook alla conquista del mercato. Il social network più popolare al mondo introduce una importante novità, l'ennesima nel giro di poche settimane, con cui spera di riuscire ad aumentare ancora i propri introiti. Si tratta di un pulsante che affianca i già noti "Mi piace" e "Condividi". Si chiama "Follow", letteralmente "Segui", e consente agli utenti di filtrare le informazioni dei propri contatti tramite singole applicazioni. L'idea è quella di riuscire a creare percorsi di proprio interesse su temi specifici, in modo da potere essere costantemente aggiornati sulle...

Leggi tutto

@facebook.com: come imporre un indirizzo e-mail

Nasce @facebook.com, in automatico l'indirizzo e-mail di tutti gli iscritti al social network più popolare al mondo. Il colosso di Menlo Park cerca così di imporre il proprio indirizzo e-mail a tutti gli utenti, nel tentativo di sostituirsi completamente agli altri fornitori di posta elettronica, tra cui i diffusissimi Gmail, Yahoo e Hotmail. È stata una mossa apparentemente silenziosa, con cui il portale ha fatto piazza pulita degli indirizzi precedentemente inseriti tra le informazioni personali, semplicemente rendendoli invisibili. Di default, quindi, ognuno ha solo l'e-mail fornita dal...

Leggi tutto

Rai, salta l'elezione del Cda. Pdl e Lega disertano la Commissione di Vigilanza

  Fumata nera in Commissione di Vigilanza Rai, per il rinnovo del Cda di Viale Mazzini. Il nuovo consiglio di amministrazione della Rai, dunque, dovrà aspettare ancora prima di insediarsi. I membri del Pdl e della Lega, infatti, hanno fatto mancare il numero legale provocando le proteste del centrosinistra. Ufficialmente il Pdl si appella alla giornata particolarmente intesa, ma la motivazione è tutta politica ed é legata da un lato alle tensioni con il governo e dall'altro alle difficoltà di ottenere la maggioranza dei sette membri che spetta eleggere alla bicamerale. La decisione di...

Leggi tutto

Da Megavideo e Megaupload a Megabox, il ritorno di Kim Dotcom

Nuova avventura all'insegna della legalità per Kim Dotcom. Il celebre fondatore di Megavideo e Megaupload, ancora agli arresti domiciliari in Nuova Zelanda, è già pronto a tornare in pista, ma, questa volta, nel rispetto del diritto d'autore. Le due precedenti esperienze, Megavideo e Megaupload, furono di grande successo, ma vennero bloccate e i due siti finirono sotto inchiesta per violazione dei diritti d'autore. Con questo capitolo giudiziario ancora aperto, Kim Dotcom annuncia l'imminente lancio della sua nuova creatura: Megabox. Questa volta, però, si tratta di un'iniziativa...

Leggi tutto

Facebook: l’addio alla moneta virtuale

Facebook abbandona i "credits" e apre le porte all'e-commerce. Il social network più popolare al mondo si prepara a dire addio alla moneta virtuale su cui si sono basati finora gli scambi economici al proprio interno. Si tratta di una vera e propria rivoluzione con cui Mark Zuckerberg spera di riuscire a dimostrare agli analisti e agli investitori la capacità del portale di aumentare velocemente la propria redditività. Finora tutte le transazioni economiche avvenivano mediante i "credits", una moneta acquistabile nel social network. Con il cambio dei soldi da moneta reale a virtuale l'azienda...

Leggi tutto

Rai, ecco i nomi dei nuovi consiglieri di amministrazione

  Tra girandole di nomi e polemiche politiche sembra ormai delineato il nuovo Consiglio di amministrazione della Rai. Il prossimo 26 giugno la Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai si riunirà per eleggere i sette nuovi consiglieri della Tv di Stato. La Commissione presieduta da Sergio Zavoli dovrebbe scegliere i magnifici sette spulciando i circa 300 curricula pervenuti. Ma ormai i giochi sembrano fatti. Le poltrone assegnate secondo i rapporti di forza dei partiti in parlamento, secondo la vecchia usanza della lottizzazione, hanno già tutte un nome e un cognome. In quota Pd è...

Leggi tutto

In Italia la tv si vede senza televisore

  Gli italiani amano ancora la tv, ma la guardano in modi diversi. Secondo una ricerca presentata a Milano da Mediaset, il 30% degli italiani guarda la tv in maniera “non lineare”. Secondo lo studio un numero sempre crescente di persone sceglie di seguire un programma in diretta streaming sul proprio tablet, magari perché è fuori casa, oppure, se si é perso qualcosa, sul web dopo la messa in onda, o ancora cerca solamente un frammento di una trasmissione postato su Youtube o su Facebook, dopo aver letto una discussione sui social network. Sempre più frequentemente, un programma viene rivisto...

Leggi tutto

GB: privacy online a rischio

Difesa dei cittadini vs diritto alla privacy. Il tema scottante torna all'ordine del giorno in Gran Bretagna, dove il segretario di Stato per gli affari interni Theresa May ha presentato un disegno di legge dal titolo "Communication Data Bill". La proposta mette a disposizione di polizia e investigatori tutte le comunicazioni in Rete di eventuali sospettati per crimini e atti terroristici. Chiaramente per ogni singolo caso si potrà procedere solamente con l'autorizzazione di un giudice, ma, comunque, per consentire alle forze dell'ordine l'accesso alle comunicazioni sul Web delle persone...

Leggi tutto