Il marito defunto in un diamante. La pubblicità shock di una agenzia funebre

taffo-pubblicita-diamante-ceneriPubblicità senza confini. L'ultima trovata che sta facendo scandalo è apparsa pochi giorni fa sui manifesti pubblicitari della Capitale. "Stavolta tuo marito non potrà dirti di no", è lo slogan equivoco che campeggia sui cartelloni che ritraggono una mano di donna che mostra un diamante al dito. Il motivo dell'impossibilità del rifiuto è semplice e si intuisce ad una lettura più attenta: il marito non potrà dire di no perché è defunto e addirittura sarà lui stesso l'anello. "Cremazione Diamond. Trasformiano in diamante le ceneri dei tuoi cari" si legge infatti nella chiusura del claim. L'agenzia funebre che ha ideato la campagna è la Taffo che già si è fatta notare per altre campagne pubblicitarie dall'ìironia cinica. Trecento manifesti hanno invaso Roma, resteranno affissi per 15 giorni per far conoscere l'ultima frontiera della cremazione. "Il diamante della memoria", spiega Alessandro Taffo, direttore commerciale e tra i titolari della società, al Messaggero è un'idea nata negli Usa dove lo fanno già da un po'. "Abbiamo stretto un accordo con una società svizzera, lì vengono spedite le urne dei defunti e attraverso procedimenti piuttosto complicati in laboratorio si trasformano le ceneri in diamanti. Le dimensioni variano a secondo della quantità delle ceneri, da dove si estrae il carbonio per creare il diamante. Ci vuole un po' di tempo, da un mese e mezzo a sei mesi". La Taffo ha affidato anche questa campagna pubblicitaria alla società di comunicazione Peyote. "Ancora una volta abbiamo puntato sull'ironia e sul messaggio dissacrante", racconta Alessio Logrippo sempre al Messaggero, ideatore del manifesto che ha invaso la città con Daniele Campanale. "Il target della campagna è ovviamente femminile, trattandosi di diamanti. Abbiamo immaginato una donna che ha desiderato da sempre avere quella pietra in regalo dal marito non troppo disponibile a farle questo dono. Cosa c'è di più feroce di una vedova che appena può ottiene il tanto agognato diamante dalle ceneri del marito?". Il manifesto sta facendo parlare di sé sui social e già questo è sintomo di successo. Le reazioni sono le più disparate: "c'è chi si scandalizza e scrive, non c'è limite al peggio. E chi invece coglie l'ironia e commenta, siete geniali", dice Logrippo, fiero dei risultati ottenuti dalla precedente campagna sulla cremazione certificata del 2012, sempre per la Taffo Funeral Services che era valso alla Peyote tre riconoscimenti alla 18a edizione di Mediastars.

Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.