Trump contro Twitter. Sullo scontro interviene Zuckerberg

Mark Zuckerberg, patron di Facebook, dice la sua nello scontro che ormai da un paio di giorni contrappone Twitter a Donald Trump, sempre più vicino a imporre una stretta alle piattaforme. In un'intervista alla Fox, Zuckerberg ha criticato Twitter per aver "etichettato" due tweet di Trump come non attendibili. "Credo fortemente che Facebook non debba essere l'arbitro della verità di tutto ciò che la gente dice online", si legge dalle anticipazioni della sua intervista. Una frase che ribadisce una posizione assunta dal suo social – quando ad essere messi in discussione erano i contenuti, non...

Leggi tutto

Smart-working, i dipendenti di Twitter potranno proseguirlo per sempre

L'emergenza Covid-19 ha portato alla vera e propria esplosione dello smart-working. Il lavoro a distanza ha fatto scoprire a molti potenzialità e vantaggi fino ad oggi pressoché inesplorati. Tra le grandi società che lo hanno imparato ad apprezzare c'è Twitter che ha fatto sapere che permetterà ai propri dipendenti di lavorare da casa “per sempre”. Lo ha comunicato ai dipendenti l’amministratore delegato e cofondatore del social, Jack Dorsey. Nella nota il ceo ha spiegato che offrirà alla maggior parte dei lavoratori la possibilità di continuare a lavorare da remoto anche dopo la fine della...

Leggi tutto

La ricerca. SEOZoom indica come il Coronavirus ha modificato le abitudini di ricerca sul web

Cosa cercano gli italiani sul web in questa fase di emergenza coronavirus? Risponde una ricerca di SEOZoom che ha analizzato i trend delle ricerche organiche ossia i risultati forniti da Google e dagli altri motori di ricerca quando una persona digita una parola o una frase. Il primo ed evidente effetto è un aumento complessivo del totale di ricerche, incrementate del 40% indipendentemente dal settore. Il lockdown ci fa trascorrere più tempo in casa, che le persone sfruttano per informarsi e ricercare su Google ciò di cui hanno bisogno. E proprio bisogno e utilità sono i due fattori...

Leggi tutto

L'Italia chiusa in casa, boom di utilizzo dei social: +1000% di chiamate di gruppo

Gl italiani rinchiusi in casa da settimane contro il Coronavirus si arrangiano come possono e per mantenere un minimo di rapporti interpersonali si affidano alla tecnologia. Così, fa sapere Facebook, da quando il virus è arrivato nel Belpaese, le chiamate di gruppo su Messenger e WhatsApp sono aumentate, in termini di tempo, di oltre il 1.000%. Lo scrivono in un post Alex Schultz e Jay Parikh, due vicepresidenti del social network. Secondo i dati, il tempo trascorso dagli italiani sulle app dell'ecosistema Facebook, che comprende Instagram, Messenger e WhatsApp, è aumentato del 70%...

Leggi tutto

Coronavirus. I big del web uniti contro le fake news

I big del web insieme contro le fake news sull'emergenza Coronavirus. La scelta di schierarsi compatti contro il dilagare di notizie false ed infondate sull'emergenza è sancita da un comunicato congiunto, firmato e pubblicato online da Facebook, Google, LinkedIn, Microsoft, Reddit, Twitter e YouTube. "Stiamo lavorando a stretto contatto per rispondere al Covid-19", si legge nella dichiarazione. "Stiamo aiutando milioni di persone a rimanere in contatto mentre, insieme, combattiamo frodi e disinformazione sul virus, incrementiamo i contenuti autorevoli sulle nostre piattaforme e condividiamo...

Leggi tutto

Intercettazioni. La riforma Bonafede è legge. Tutte le novità

E' legge il decreto sull'utilizzo delle intercettazioni voluto dal Ministro della giustizia Bonafede. Il voto finale è arrivato ieri sera (27 febbraio 2020) con il voto a scrutinio segreto dell'assemblea della Camera: 246 i voti a favore e 169 quelli contrari. Il provvedimento ha convertito in legge il "Dl Intercettazioni” (Decreto Legge n. 161/2019), che modificava sostanzialmente la riforma “Orlando” (Legge n. 103/2017 e Decreto Legislativo n. 161/2017), ferma da due anni e mai entrata in vigore. La norma riformulata diventa effettiva a partire dal primo maggio e solo per i...

Leggi tutto

Facebook, lavori in corso per modificare la visualizzazione dei contenuti

Facebook starebbe pensando di riorganizzare le modalità di visualizzazione dei post sul feed degli utenti. Ora, come ha svelato in un post su Twitter l’informatica Jane Manchun Wong, a Menlo Park stanno testando una funzionalità che permette di ordinare i post in base alle proprie preferenze. Meno "potere" all'algoritmo e più libertà agli utilizzatori nella scelta di cosa vedere sul social network. Sarebbe questa la strategia di Mark Zuckerberg per lo sviluppo del prossimo futuro di Fb. Nella foto pubblicata dalla Wong su Twitter si vede come il social sta testando una versione per...

Leggi tutto

Google contro l'UE. Ricorso contro la maxi multa dell'Antitrust

Google muro contro muro con l'Unione Europea. Big G ha appena presentato un ricorso contro la prima delle tre sentenze con cui l'Autorità antitrust europea ha sanzionato il colosso statunitense per "abuso di posizione dominante". Quella appena iniziata tra Google e l'Unione europa si preannuncia una battaglia legale di grande portata. La sentenza incriminata è di giugno 2017, quando la Commissione europea ha imposto al motore di ricerca statunitense una multa di 2,42 miliardi di euro per violazione delle norme antitrust dell’UE. Google, secondo la commissione, ha abusato della posizione...

Leggi tutto

I social media creano dipendenza anche se stressanti

Anche quando i social media sono fonte di stress gli utenti invece di spegnerli si limitano a cambiare piattaforma o funzione utilizzata, alimentando così una possibile dipendenza. Lo afferma uno studio della Lancaster University pubblicato dalla rivista Information Systems Journal. I ricercatori hanno analizzato le differenti forme di "tecnostress" causate dai social, dalla sensazione di "invasione" nella propria vita privata alla difficoltà di adattare l'uso a quello dei propri amici, e hanno poi sottoposto 444 utilizzatori di Facebook a dei questionari per verificarne il...

Leggi tutto

Youtube spia i bambini per inviargli pubblicità. Maxi multa per Google

Guai in vista per Google. Secondo quanto riportato dal Washington Post, Mountain View avrebbe violato la Coppa, ovvero la Children's Online Privacy Protection Act, ovvero la legge federale statunitense che protegge la privacy online dei bambini. La violazione sarebbe avvenuta tramite YouTube, il famoso servizio di video-streaming di Google, attraverso cui il colosso americano avrebbe raccolto in modo inappropriato i dettagli personali dei minori che usavano la piattaforma, utilizzandoli per fini pubblicitari. L'algoritmo, infatti, registrerebbe le preferenze del bambino per poi proporre spot...

Leggi tutto