"Google news sottrae lettori ai giornali"

google_news.jpgQuasi la metà si limitano a scorrere i titoli. Negli Stati Uniti il 44% di quanti utilizzano Google news legge velocemente le poche righe fornite dal motore di ricerca e non va neanche ad aprire la pagina in cui è pubblicato il pezzo. È quanto si apprende dal rapporto “News Users 2009”, a cura della Outsell Inc. “Tra gli aggregatori di notizie – spiega Ken Doctor, analista per la Outsell – Google è quello che provoca effetti più devastanti. Mentre rimanda un po’ di traffico sui siti dei giornali, porta anche via una quota consistente di potenziali lettori”. Sembrerebbe riaprirsi così la polemica tra gli editori ed il gigante di Mountain View. BigG, infatti, è stato più volte accusato di lucrare sul costoso lavoro di altri. Finora la società californiana si è sempre difesa proprio sostenendo di rinviare ai siti di informazione un gran numero di utenti, sull’ordine dei 100mila click al minuto. Il peso del motore di ricerca diventa tanto più grande quanto aumenta la sua popolarità. Solo il 30% degli intervistati, infatti, sostiene di preferire a Google altri motori di ricerca o di recarsi direttamente sulle pagine delle testate giornalistiche. Il 12%, invece, lo utilizza unicamente per trovare i link dei portali di informazione e, aperte le pagine di interesse, continua a scorrere le pagine utilizzando sistemi di ricerca interni. Infine, per i fatti appena accaduti o in corso di svolgimento, il web è diventata la fonte principale di informazione per oltre la metà degli intervistati, il 57% contro il 33% di qualche anno fa.
Pin It

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.