Facebook, lavori in corso per modificare la visualizzazione dei contenuti

Facebook starebbe pensando di riorganizzare le modalità di visualizzazione dei post sul feed degli utenti. Ora, come ha svelato in un post su Twitter l’informatica Jane Manchun Wong, a Menlo Park stanno testando una funzionalità che permette di ordinare i post in base alle proprie preferenze. Meno "potere" all'algoritmo e più libertà agli utilizzatori nella scelta di cosa vedere sul social network. Sarebbe questa la strategia di Mark Zuckerberg per lo sviluppo del prossimo futuro di Fb. Nella foto pubblicata dalla Wong su Twitter si vede come il social sta testando una versione per...

Leggi tutto

Google contro l'UE. Ricorso contro la maxi multa dell'Antitrust

Google muro contro muro con l'Unione Europea. Big G ha appena presentato un ricorso contro la prima delle tre sentenze con cui l'Autorità antitrust europea ha sanzionato il colosso statunitense per "abuso di posizione dominante". Quella appena iniziata tra Google e l'Unione europa si preannuncia una battaglia legale di grande portata. La sentenza incriminata è di giugno 2017, quando la Commissione europea ha imposto al motore di ricerca statunitense una multa di 2,42 miliardi di euro per violazione delle norme antitrust dell’UE. Google, secondo la commissione, ha abusato della posizione...

Leggi tutto

I social media creano dipendenza anche se stressanti

Anche quando i social media sono fonte di stress gli utenti invece di spegnerli si limitano a cambiare piattaforma o funzione utilizzata, alimentando così una possibile dipendenza. Lo afferma uno studio della Lancaster University pubblicato dalla rivista Information Systems Journal. I ricercatori hanno analizzato le differenti forme di "tecnostress" causate dai social, dalla sensazione di "invasione" nella propria vita privata alla difficoltà di adattare l'uso a quello dei propri amici, e hanno poi sottoposto 444 utilizzatori di Facebook a dei questionari per verificarne il...

Leggi tutto

Youtube spia i bambini per inviargli pubblicità. Maxi multa per Google

Guai in vista per Google. Secondo quanto riportato dal Washington Post, Mountain View avrebbe violato la Coppa, ovvero la Children's Online Privacy Protection Act, ovvero la legge federale statunitense che protegge la privacy online dei bambini. La violazione sarebbe avvenuta tramite YouTube, il famoso servizio di video-streaming di Google, attraverso cui il colosso americano avrebbe raccolto in modo inappropriato i dettagli personali dei minori che usavano la piattaforma, utilizzandoli per fini pubblicitari. L'algoritmo, infatti, registrerebbe le preferenze del bambino per poi proporre spot...

Leggi tutto

Instagram nasconde i like per dare più valore ai contenuti. Al via il test in Italia

Instagram "studia" novità per spingere gli utenti a porre l'attenzione sui contenuti piuttosto che sul numero di like o di followers. In quest'ottica va vista la fase di test avviata oggi in Italia, dopo l’esperimento del Canada, con cui il social network nasconde il numero dei "like" sostituendolo con la frase "piace a... e altre persone". Quante siano queste "altre persone" lo saprà solo l’utente che ha pubblicato l’immagine. In questo modo, ha spiegato Tara Hopkins, head of public policy Emea di Instagram "vogliamo aiutare le persone a porre l'attenzione su foto e video condivisi e non su...

Leggi tutto

Libra. Facebook lancia la sua criptovaluta. Una rivoluzione che non piace alle banche

Si chiama Libra e sarà attiva dal 2020, la criptovaluta annunciata da Facebook e che permetterà di fare acquisti, inviare e ricevere denaro online in modo del tutto sicuro anche senza avere un conto corrente tradizionale. L'intenzione di Mark Zuckerberg di entrare da protagonista nel mondo finanziario non è notizia di oggi, ma quanto descritto nel documento con cui è stato annunciato il lancio di Libra ha dato al pubblico la dimensione reale del progetto del gigante dei social. Innanzitutto la valuta virtuale sarà garantita da asset reali e alle sue spalle saranno schierati insieme a...

Leggi tutto

Copyright in rete. Il Parlamento europeo approva la riforma. Ecco cosa cambierà

Alla fine il Parlamento europeo ha approvato la nuova direttiva sulla tutela del diritto d'autore nel mercato unico digitale. Dopo la prima bocciatura di luglio l'ok è arrivato mercoledì al termine della sessione plenaria dell'assemblea a Strasburgo: 438 i voti a favore, 226 i contrari e 39 gli astenuti. Il via libera della plenaria apre ora la strada ai negoziati con il Consiglio, necessari per arrivare alla definizione del testo legislativo finale. "È un buon segnale per l'industria creativa e culturale europea", ha dichiarato il relatore del testo Axel Voss (Ppe), ringraziando i colleghi...

Leggi tutto

Watch, la tv di Facebook arriva in Italia

Facebook lancia la sua sfida alla televisione tradizionale anche in Italia. Lo fa lanciando "Facebook Watch" ad un anno di distanza dal suo debutto negli Stati Uniti. La notizia è stata diffusa da un post ufficiale di Fidji Simo, capo della sezione video del social network, che ha scritto: "Da oggi Facebook Watch è disponibile ovunque, per dare agli utenti di tutto il mondo un nuovo modo di scoprire video e interagire con amici, creatori e altri fan". La sfida è lanciata e non solo alla tv tradizionale, ma anche a servizi come YouTube, Amazon e Netflix. Per ora i risultati oltreoceano...

Leggi tutto

WhatsApp, ecco chiamate e video-chiamate di gruppo

Audio e video chiamate di gruppo. Come anticipato nel mese di maggio, da oggi sono disponibili su WhatsApp. Grazie a questa novità sarà possibile effettuare sull'applicazione di messaggistica, video o audio chiamate di gruppo fino ad un massimo di 4 partecipanti. In questo modo WhatsApp anticipa la concorrenza: l'arrivo delle videochiamate di gruppo su FaceTime, infatti, arriveranno solo con iOS 12 a fine settembre. Nel presentare questa novità, WhatsApp spiega che gli utenti trascorrono oltre 2 miliardi di minuti al giorno in chiamate, per questo motivo era indispensabile abilitare tale...

Leggi tutto

Intelligenza artificiale. In Cina robot supera l'esame per diventare medico

Xiaoyi è il primo robot a superare l'esame di abilitazione all'esercizio della professione medica. Sviluppato da iFlytek Co Ltd, azienda cinese leader nel settore dell'intelligenza artificiale, Xiaoyi ha superato il test con un punteggio di 456, 96 punti oltre il minimo richiesto. Il sistema di intelligenza artificiale è stato realizzato con lo scopo di raccogliere informazioni e analizzare dati per formulare una diagnosi iniziale, agevolando il lavoro dei medici. Xiaoyi rappresenta lo sforzo della Cina teso ad accelerare l'applicazione dell'intelligenza artificiale in ambito...

Leggi tutto