No green pass. Insulti e minacce ai giornalisti de L’Arena. Il Cdr: “Non ci faremo intimidire”

0
152
La redazione de L'Arena - Foto da streaming

L’ultimo weekend di proteste “no green pass” ha portato con sé gli ormai soliti strascichi di insulti e minacce ai giornalisti. Stavolta la denuncia arriva da “L’Arena di Verona” che racconta come ogni sabato il corteo di manifestanti sia transitato sotto la redazione del quotidiano scaligero recitando il proprio rosario di insulti: “Terroristi”, “Verrà la vostra ora”, “Venduti”, “Vigliacchi” e chi più ne ha più ne metta.

“Il Comitato di redazione del quotidiano scaligero, insieme con il Sindacato giornalisti Veneto, intende far sapere a queste persone e a tutti i veronesi che le giornaliste e i giornalisti de L’Arena non si fanno e non si faranno intimidire dalla violenza verbale di cui sono continuamente oggetto nei cortei delle ultime settimane, violenza che trova ampia eco anche sui social”, è la ferma risposta che arriva dai rappresentanti sindacali del quotidiano.

Giornaliste e giornalisti dell’Arena, si legge sul sito web dell’Assostampa veneta, “non indietreggeranno di un passo nella loro missione di informare i cittadini, raccontando ciò che accade, comprese le manifestazioni di chi li insulta e di chi in più di un’occasione ha fatto capire loro di essere ‘non graditi’ ai loro presìdi. Se qualcuno pensa di voler mettere il bavaglio alla stampa, si ricordi che questo accade soltanto in quelle dittature che molti dei manifestanti sostengono di voler combattere. L’auspicio – concludono Cdr e Sindacato giornalisti Veneto – è che questa escalation di odio non riporti a tempi bui della democrazia, quando i giornalisti sono diventati bersagli di aggressioni fisiche o peggio”.

Approfondimenti