Nomine Rai: Andreatta può tornare da Netflix, Salini non può andarci

0
1331
Eleonora Andreatta. Foto da streaming

C’è un nome che riecheggia negli ultimi giorni sulla stampa per l’incarico di nuovo amministratore delegato della Rai: Eleonora Andreatta detta Tinny. Dopo otto anni alla guida di Rai Fiction, è stata designata – a partire dal mese di luglio 2020 – vice presidente delle serie originali italiane di Netflix. Non è stato semplice lasciare quella che lei stessa ha definito “la mia casa”. E ora sono in molti a pensare che dopo appena un anno potrebbe tornare al settimo piano per impugnare lo “scettro”. Ma c’è qualcuno, il senatore Maurizio Gasparri di Forza Italia, che – a valle di una risoluzione appena approvata dalla commissione di Vigilanza sulla Rai – le ha già chiuso i cancelli di Viale Mazzini. “Non si può andare avanti e indietro dal servizio pubblico e quindi sono ovviamente false le notizie che leggiamo circa un ritorno della Andreatta – ha spiegato Gasparri – che sarebbe impossibile anche alla luce del chiaro pronunciamento della commissione parlamentare di Vigilanza… …Chi se ne è andato se ne è andato e non può certo rientrare in gioco. Questo è chiarissimo e la decisione della vigilanza mette una pietra tombale sulle ipotesi che leggiamo sui giornali”. Ma siamo sicuri che le cose stiano davvero così?

LA CLAUSOLA – La risoluzione di San Macuto invita, tra l’altro, la Rai “ad individuare criteri e procedure volte ad evitare possibili conflitti d’interesse e rischi di accumulazione di incarichi assegnati ad un medesimo operatore economico, sia esso produttore o artista e a prevedere altresì clausole anticoncorrenza, la cui mancanza può danneggiare la Rai e le sue produzioni”. Una clausola, sembra di capire dal testo, che può valere per chi esce dalla Rai non certo per chi ci rientra… Non a caso l’ad Fabrizio Salini la clausola anticoncorrenza già l’ha firmata. “Nell’anno successivo al termine del mandato di amministratore delegato, non può assumere incarichi o fornire consulenze – recita lo statuto Rai – presso società concorrenti della Rai S.p.A”. Salini, insomma, non potrà andare a lavorare subito in un altro broadcaster per almeno 12 mesi. Ma l’Andreatta porterebbe a casa un po’ dei segreti di Neflix… Può tornare eccome, sempre che a lei (Lady Fiction) e a Reed Hastings la cosa vada bene! Il suo problema, semmai, è un altro. Viene considerata – e Gasparri sta lì a dimostrarlo – troppo vicina al centrosinistra. E Palazzo Chigi dovrà sforzarsi di trovare un amministratore delegato per la Rai bravo – come l’Andreatta – ma anche “digeribile” da tutti i partiti che sostengono l’esecutivo. Avete presente la Rai del migliore? Ecco…

Approfondimenti