Nomine Rai: Barachini chiede a Salini di soprassedere

0
1279
*Il presidente della Vigilanza Rai, Alberto Barachini (FI)*

Un corrispondente (capo sede) da Gerusalemme (job posting scaduto il 15 dicembre 2020); un corrispondente da Pechino (job posting scaduto il 30 marzo 2021); due caporedattori a Rai Parlamento (job posting scaduto il 15 gennaio 2021); tre vicedirettori a RaiSport (Auro Bulbarelli li aspetta da un anno ormai); un direttore alla nuova direzione orizzontale approfondimento; otto direttori delle sedi regionali di Palermo, Firenze, Cosenza, Pescara, Bari, Perugia, Cagliari e Potenza; un vicedirettore al Tg1, dove Simona Sala non è mai stata sostituita; e un vicedirettore al Tg3, dove il 30 aprile prossimo Maurizio Losa, responsabile dell’edizione delle 12, va in pensione. Sono solo alcune delle nomine che aspettano la firma di Fabrizio Salini. Una firma che l’ad Rai – ormai giunto a fine mandato – dovrà meditare attentamente e caso per caso.

LA TELEFONATA – Proprio in queste ore, infatti, il presidente della Vigilanza Rai, Alberto Barachini, su mandato di tutti i capigruppo della commissione, ha invitato telefonicamente Salini – a quanto apprende AdgInforma.it – a soprassedere dalle nomine, nella consapevolezza che quelle urgenti e inderogabili dovranno e potranno comunque essere fatte. In particolare, a San Macuto si cerca di evitare promozioni di nuovi dirigenti per incarichi strategici e di lungo respiro. Nomine che produrrebbero un aggravio sui conti dei futuri amministratori. Insomma, senza intralciare la gestione dell’amministratore delegato, Barachini lo ha invitato a una valutazione di opportunità. Salini, a quanto si apprende, si è limitato a rispondere che farà una valutazione generale, che comprende la sollecitazione ricevuta dal Parlamento e cercherà di attenersi ai criteri generali della richiesta. D’altronde giovedì 29 aprile il cda – oltre ad ascoltare i vertici di Rai Pubblicità e Rai Cinema e a “festeggiare” l’imminente vendita del “grattacielo” di Torino (7,5 milioni) – approverà il bilancio 2020. E a quel punto bisognerà aspettare solo la ratifica dell’assemblea degli azionisti entro il 30 giugno per arrivare alla fine del mandato. Un paio di mesi, insomma. Salini ha ormai le valigie in mano. E più che delle nomine, deve preoccuparsi della sua prossima destinazione…

Approfondimenti