Nomine Rai: De Santis a Rai1, Freccero a Rai2

0
574

Il dado è tratto. È tempo per la Rai di concludere il primo giro di nomine cambiando le poltrone anche delle Reti. Ai consiglieri sono giunti i curricula, e i nomi sono quelli trapelati in queste ore. L’ad Fabrizio Salini, nel cda di martedì 27 alle ore 16, chiederà per la prima volta nella storia Rai la nomina di una donna alla guida di Rai1: Teresa De Santis che prenderà il posto di Angelo Teodoli. A Rai2 spazio a un cavallo di ritorno: proposto Carlo Freccero, che la Rete l’ha già guidata tra il 1996 e il 2002, e prenderà il posto (gratis, in quanto pensionato) di Andrea Fabiano. Tutto fermo, invece, a Rai3 dove Stefano Coletta ha ottenuto la conferma (con qualche mugugno del Carroccio). A Rai Sport – senza direttore da agosto scorso – l’ha spuntata Auro Bulbarelli, mentre e Rai Parlamento Antonio Preziosi, ora corrispondente Rai da Bruxelles, prende il posto di Nicoletta Mazione. Conferma anche per Antonio Di Bella a Rai News24, il canale all news della tv pubblica che qualcuno sussurra dovrebbe finire nelle mani di Milena Gabanelli.

Freccero Carlo

Con questa seconda infornata, La “Rai del cambiamento”, a trazione gialloverde, cambia passo e soprattutto ha concluso la sostituzione di quasi tutti i direttori di prima fascia. Il 31 ottobre scorso, infatti, al Tg1 è stato nominato Giuseppe Carboni (57 anni, nato a Roma, caporedattore del Tg2 dove dal 2012 segue il Movimento 5 Stelle) al posto di Andrea Montanari; al Tg2 Gennaro Sangiuliano (56 anni, napoletano, vicedirettore del Tg1 dal 2009) che ha sostituito Ida Colucci; al Tg3 Giuseppina Paterniti (62 anni, nata a Capo D’Orlando in provincia di Messina, ex corrispondente da Bruxelles e vicedirettore della Tgr dal 2015) che ha preso il posto di Luca Mazzà. Al Giornale Radio Rai lo stesso Mazzà (56 anni, romano, dal 2016 direttore del Tg3) che ha impugnato l’interim di Roberto Pippan; e alla Tgr, infine, Alessandro Casarin (nato a Somma Lombardo in provincia di Varese, 60 anni, attuale direttore ad interim della Testata giornalistica regionale) che è stato confermato direttore.