Nomine Rai: “Ticket” rosa per Draghi. Gabanelli presidente e Cioli o Grieco ad

0
1016
Milena_Gabanelli_by_Paolo_Visone_-_International_Journalism_Festival_2011. Foto da Wikimedia

Mario Draghi a luglio scioglierà la riserva sulle nomine Rai. In realtà non ha ancora mai dichiarato nulla sull’argomento. Eppure sui giornali si fa a gare per interpretarne le mosse. Stamane a cimentarsi è Francesco Storace su Il Tempo. “Nella testa di Draghi i nomi per l’amministratore sono diversi e tutti femminili. In prima fila – scrive – Laura Cioli con le sue esperienze editoriali, dal gruppo Repubblica al Corriere a Sky. Curriculum manageriale di livello, e forse meglio posizionata per le relazioni con il premier, quello di Patrizia Grieco, presidente del Monte dei Paschi di Siena e prima ancora all’Enel”. Quindi, per Storace, se Draghi dovesse decidere di pescare all’esterno dell’Azienda ingaggerebbe una donna. “All’interno dell’azienda, però, non mancano le professionalità di livello a partire da Marcello Ciannamea e Paolo Del Brocco. Il primo, con l’apprezzamento di larga parte del mondo politico e aziendale, il secondo sostenuto più che altro da un pezzo di sinistra del Pd. Entrambi considerati però di valore. Per la presidenza della Rai, dopo la carta De Bortoli, Draghi – chiosa Storace – si è messo in testa Milena Gabanelli, operazione piuttosto ardita con le regole della Vigilanza Rai”. Insomma il “ticket” in arrivo sarebbe tutto rosa, con un amministratore delegato pronto a far quadrare i conti e un presidente determinato cambiare la rotta editoriale. Intanto Draghi tace…

Approfondimenti