Non c’è pace per Enrico Varriale: accusato di stalking dalla ex compagna. Lui nega tutto

0
571
Il giornalista Enrico Varriale - Foto da streaming

Altra brutta tegola per Enrico Varriale. Il giornalista sportivo della Rai non sta attraversando un periodo facile da un punto di vista lavorativo a causa della mancata conferma nel ruolo di vice-direttore di Raisport e la perdita della conduzione di 90simo minuto. L’ultima vicenda, però, riguarda la sua vita privata e non è una bella vicenda. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, il giornalista napoletano è indagato per stalking, dopo essere stato accusato dalla ex-compagna di “atti persecutori e lesioni personali” nei suoi confronti.

La donna, riporta il quotidiano di via Solferino, una giovane imprenditrice con cui Varriale aveva una relazione da un anno, ha denunciato di essere stata “picchiata, presa a schiaffi, sbattuta contro il muro, insultata”. Inoltre la ex compagna del giornalista lo accusa di perseguitarla “con telefonate di notte, appostamenti sotto casa, citofonate alle 6 di mattina”. All’origine della escalation di violenza, secondo la ricostruzione dei magistrati, ci sarebbe proprio lo stress vissuto dal giornalista per le vicende professionali succedute alla vittoria dell’Italia agli europei di calcio.

In virtù di questa denuncia e dopo un’indagine per stalking durata poco più di un mese, il Gip Monica Ciancio ha disposto nei confronti dell’ex vicedirettore Rai la misura cautelare del “divieto di avvicinamento a meno di 300 metri dai luoghi frequentati dalla persona offesa”, oltre alla duplice prescrizione di “non comunicare con lei” neppure “per interposta persona” e di “allontanarsi immediatamente in caso di incontro fortuito, riponendosi a 300 metri di distanza”. Una misura, scrive ancora il Corriere, che dovrebbe funzionare “deterrente” affinché si possano evitare misure più restrittive.

La replica di Varriale – Il 61enne giornalista non ci sta e rimanda al mittente tutte le accuse: “Non ho mai stalkerizzato nessuno – ha replicato al quotidiano milanese – e chi afferma questo ne risponderà in tutte le sedi”. “È una dolorosa vicenda personale che avrei preferito rimanesse tale. Purtroppo però mi sono state rivolte, e rese pubbliche, accuse del tutto false. Sono sicuro che riuscirò a dimostrare la loro infondatezza facilmente e in tempi brevi” ha concluso.

Approfondimenti