Osservatorio Giovani-Editori. Tim Cook entra nell’Advisory Council

0
65

Il Ceo di Apple, Tim Cook, entra a far parte dell’International Advisory Council dell’Osservatorio Permanente Giovani-Editori, l’organizzazione che grazie ai suoi progetti, educa i giovani a sviluppare il pensiero critico sull’attualità grazie alla consultazione del giornalismo di qualità.

L’assemblea dei soci, su proposta del presidente dell’Osservatorio, Andrea Ceccherini, ha approvato all’unanimità la nomina del Ceo di Apple. Cook si va ad aggiungere ai direttori del New York Times Dean Baquet, del Wall Street Journal Gerard Baker e all’ex direttore del Los Angeles Times Davan Maharaj, che già fanno parte del Consiglio insieme allo stesso Ceccherini.

Le premesse a questa nomina si erano avute quando, a ottobre, il capo supremo della Mela morsicata arrivò a Firenze, ospite davanti a mille studenti del progetto Il Quotidiano in Classe, dimostrando il suo apprezzamento nei confronti di questa realtà tanto che dichiarò: “voglio l’Osservatorio negli Stati Uniti”.

“Noi alla Apple siamo impegnati a sostenere e difendere il giornalismo di qualità – ha dichiarato Cook nella nota diffusa dall’Osservatorio – perché riteniamo che una stampa indipendente sia essenziale per una società libera. Sono rimasto molto impressionato dal lavoro svolto dall’Osservatorio e sostengo in pieno la loro missione per aiutare i giovani a sviluppare le abilità necessarie a identificare le fonti delle notizie e l’informazione di qualità nel mondo di oggi”.

“È un piacere e un onore dare a Tim Cook il benvenuto a bordo dell’International Advisory Council – ha detto il presidente dell’Osservatorio, Ceccherini -, sono convinto che Tim sarà una straordinaria fonte di ispirazione per tutti noi e io non vedo l’ora di cominciare a lavorare insieme a lui”.