Panorama in sciopero contro le “condizioni umilianti” di Belpietro

0
545

Rilanciare la testata come settimanale di notizie e inchieste e ridurre drasticamente i costi. Eccola la ricetta di Maurizio Belpietro che con la sua Verità srl ha presentato una proposta di acquisto al gruppo Mondadori del settimanale Panorama. Una proposta che prevede l’assorbimento di 24 giornalisti ma tutti con qualifica di redattore ordinario, azzeramento dei superminimi, e taglio dei costi per 960 mila euro (circa il 30%). Una ricetta indigesta per i giornalisti di Panorama che da oggi sono in sciopero. Una nota dell’assemblea di redazione denuncia “una riduzione, in media, del 45% della retribuzione, con umiliante azzeramento delle qualifiche e senza garanzie di durata del perimetro occupazionale. Tali condizioni, non previste dalle norme per la cessione del ramo d’azienda e mai applicate ad alcuna vendita di testata della Mondadori, sono un ignobile tentativo di ricattare i giornalisti dopo anni di lavoro con la minaccia della chiusura. Chiedendo un ritorno sul sentiero della legalità e riaffermando la loro assoluta contrarietà alla svendita di un glorioso settimanale, i giornalisti di Panorama abbandonano la redazione con sciopero immediato”. “Condizioni umilianti”, le definisce il Cdr del Giornale. “Ancora una volta la volontà degli editori di affrontare la crisi del settore facendo ricorso quasi esclusivamente allo strumento più comodo, cioè il taglio del costo del lavoro.”

Approfondimenti