Per Alessandro Giuli il danno Covid e la beffa “Report”

0
381
I giornalisti Alessandro Giuli e Francesca Fagnani. Foto Servello.

Non sono bei tempi per il giornalista Alessandro Giuli. “Seconda Linea” il nuovo programma, in onda il giovedì in prime time su Rai2, che conduce insieme a Francesca Fagnani è stato sospeso dopo appena due puntate per eccesso di nanoshare. E ora aspetta di tornare in onda con un format riveduto e corretto. A questo si aggiunga, come racconta lui stesso stamane su Libero, intervistato da Gianluca Veneziani, che ha contratto il coronavirus ed è in isolamento domestico da 10 giorni. E come se non bastasse Report, il programma d’inchieste di Rai3, si sarebbe messo a frugare nella sua posta elettronica.

Ma partiamo dalla salute. “Ho avuto febbre, raffreddore, dolori diffusi e ossa rotte con perdita di olfatto e gusto; e in più un deficit di ossigenazione che mi costringe ad assumere cortisone per evitare il ricovero in ospedale”, ha spiegato Giuli. Un bel danno al quale si è aggiunta una beffa grazie all’ultima puntata del programma condotto da Sigfrido Ranucci. “Il mio nome – spiega Giuli – è apparso in quanto nel 2017 avevo inviato per email al senatore Siri una bozza del programma culturale della Lega, da me scritto insieme ad altre persone, sottolineando che essa era stata ‘supervisionata da Mascetti’… …l’aspetto grave, e secondo me dotato di rilevanza penale, è che Report tre anni dopo abbia ottenuto chissà come e dato in pasto a due milioni di spettatori la mia posta elettronica, senza avvertirmi preventivamente, con una chiara violazione della privacy. Mi sono sentito indifeso, spiato e mi sono chiesto cosa c’entrasse tutto ciò col diritto di cronaca. E mi chiedo ancora: ma chi gliel’ha data a quelli di Report la mia corrispondenza privata? E perché l’hanno resa pubblica, peraltro decontestualizzata, in un modo così gratuito e obliquo? Per il momento non posso fare la denuncia, essendo costretto in casa dal virus. Ma col mio avocato mi riservo di esplorare ogni soluzione”.

Approfondimenti