Piccoli giornalisti crescono

0
159

young_journalist.jpgGiovani giornalisti premiati. Da nord a sud e vice versa imperversano concorsi di giornalismo dedicati ai più giovani, singolarmente o per classi. Con l’ormai imminente chiusura dell’anno scolastico, per questi giornalisti in erba è tempo di premiazioni. A Rimini si è chiusa la quarta edizione di “Cronisti in classe”, il campionato di giornalismo indetto e organizzato da “Il Resto del Carlino”. Il prestigioso quotidiano da dicembre a maggio ha pubblicato due volte a settimana articoli frutto del lavoro dei giovani studenti. L’iniziativa ha visto la partecipazione di 10 scuole medie, di cui 4 vincitrici. Al primo posto un articolo sulla storia del 125esimo anniversario del Carlino, al secondo uno sul fenomeno mediatico dell’influenza H1N1, raccontato con il metodo dell’intervista, e al terzo uno dedicato alle serie problematiche della scuola frequentata dai ragazzi che lo hanno scritto. Premio speciale di ecologia, infine, per l’articolo che ha evidenziato i problemi ambientali della città di Rimini. Anche il premio giornalistico “Alfonso Maria Russo”, giunto alla sua seconda edizione e indetto dalla Pro Loco “Nola Città d’Arte”, si rivolgeva ai più giovani con una sezione per gli alunni delle scuole medie e un’altra per gli studenti delle superiori. I ragazzi si sono cimentati, singolarmente o in gruppo, su due tracce fornite dagli organizzatori: “Nola nel XXI secolo, Città di commercio internazionale”; “I Gigli nel folklore mediterraneo e nelle tradizioni delle Macchine da Festa a spalla in Italia”. Un’apposita commissione di giornalisti ed esperti della comunicazione ha valutato i 27 elaborati pervenuti e ne ha premiati tre per ogni sezione. “ È un momento particolarmente significativo per la nostra Città – ha dichiarato in occasione della cerimonia di premiazione Luigi Buonauro, presidente della Pro Loco di Nola – offrire ai giovani una reale possibilità di consolidare la competenza verso la tipologia di scrittura giornalistica rappresenta una grande occasione di sviluppo e crescita educativa e professionale per i nostri ragazzi”. Da Rimini sembra quasi fargli eco l’assessore Vincenzo Mirra. “È importante imparare sin da piccoli a conoscere e raccontare ciò che succede intorno a noi – sostiene l’assessore, in rappresentanza della provincia di Rimini – I giovani sono il nostro futuro. Questo campionato ha fatto crescere in loro la voglia di conoscenza”. “Speriamo vivamente che quest’iniziativa sia stata una bella esperienza per tutti – commenta infine Pier Luigi Martelli, caposervizio del Carlino – In fondo dentro tutti noi si nasconde uno spirito da giornalista. Occorre capire le situazioni con umiltà e con la propria testa: questa è la libertà più grande. Nella vita bisogna sempre essere dei giornalisti”.